Occhio al 10 agosto 2018

occhioC’è una voce che sta circolando sempre più insistente negli ultimi giorni.

Il 10 agosto 2018 è la data in cui, forse (ma il condizionale è d’obbligo), la SEC approverà i primi ETF su Bitcoin.

Infatti stanno elaborando una richiesta da parte della Cboe (la stessa che gestisce i futures su BTC) che stavolta pare avere chances di essere approvata. Qualora venisse approvata, tutti gli investitori americani potrebbero trovarsi sulle loro piattaforme di trading attuali un ETF per investire su Bitcoin!

La SEC ha reso pubblica la richiesta chiedendo pareri agli investitori, e questi stanno rispondendo quasi tutti in modo positivo.

C’è chi sostiene che la SEC stavolta non potrà rifiutarsi, e che proprio il 10 agosto potrebbe dare l’annuncio. Ricordatevi che secondo JP Morgan gli ETF sarebbero il “Sacro Graal” di Bitcoin… 😉

Fino ad ora tutti gli altri tentativi sono falliti, ma persone bene informate sostengono che il tentativo della Cboe sia diverso. Sia perchè è già autorizzata a gestire i futures su Bitcoin, sia perchè ha dato ampia dimostrazione di conoscere bene l’argomento, sia soprattutto perchè la sua proposta prevede un’assicurazione conto eventuali furti di BTC o perdite legate alla piattaforma di gestione. Inoltre ultimamente la volatilità si è ridotta molto rispetto ai picchi di fine 2017, e questo gioca decisamente a favore della richiesta di Cboe.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Attenzione, non è assolutamente detto che ciò accada, perchè la SEC potrebbe sempre rifiutarsi. Ma stavolta le voci che stanno girando nell’ambiente sono decisamente più ottimiste che in passato, oltre al fatto che nelle ultime settimane sono uscite molte notizie positive riguardo le criptovalute (che però in effetti potrebbero aver anche influenzato queste stesse voci spargendo molto ottimismo). Tuttavia non c’è molto da attendere per capire se queste voci saranno confermate, o smentite.

Occhio al 10 agosto 2018 ultima modifica: 2018-07-16T14:55:20+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti