Ubcoin modera i contenuti usando l’intelligenza artificiale

ubcoinUbcoin sta sviluppando un proprio sistema di intelligenza artificiale basato su reti neurali profonde per modulare automaticamente milioni di annunci a contenuto variabile senza il controllo umano, per ridurre al minimo i rischi legali ed etici per il business.

Ubcoin è un exchange tra cripto e merci, ovvero una piattaforma basata su blockchain in cui tutti possono acquistare o vendere beni reali in cambio di criptovalute. Ubcoin sta conducendo una vendita di token pubblici, dopo aver raccolto oltre 4 milioni di dollari da investitori privati ??e istituzionali, come il fondo Inventure e il fondo Amereus.

Ubcoin inoltre farà parte dell’App mobile Ubank, preinstallata da Samsung in 10 paesi e con oltre 16 milioni di installazioni in tutto il mondo. È ancora possibile acquistare token Ubcoin con uno sconto ora su https://ubcoin.io/en.
La moderazione dei contenuti sui mercati aperti è una questione importante. Solo un’azienda che fornisce un posizionamento etico e legittimo di contenuti può generare una crescita costante e formare un modello di business di successo.
La mancanza di moderazione dei contenuti comporta rischi legali e di immagine. Ad esempio, Facebook e eBay hanno investito centinaia di milioni di dollari in programmi per tracciare e bloccare notizie false.

Esistono tre possibili approcci alla moderazione dei contenuti: il controllo manuale, il e controllo semiautomatico in base alle regole, e l’approccio basato sull’apprendimento automatico. Quest’ultimo è quello scelto da Ubcoin, poiché è privo del fattore umano ed è resistente alla variabilità del contenuto.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Quindi grazie all’intelligenza artificiale Ubcoin verifica i contenuti per conformità ai requisiti di legge, impedisce il posizionamento di materiali contenenti commenti “tossici”, razzismo o discriminazione, e individua gli annunci duplicati.

Ubcoin modera i contenuti usando l’intelligenza artificiale ultima modifica: 2018-06-11T15:46:15+00:00 da Redazione

Condividi questo articolo:

Commenti