Telegram avrà wallet non custodial ed exchange decentralizzati

Oggi il celebre fondatore di Telegram, Pavel Durov, ha scritto su Twitter:

“Il prossimo passo di Telegram è costruire una serie di strumenti decentralizzati, inclusi wallet non custodial ed exchange decentralizzati per milioni di persone, per scambiare e conservare in modo sicuro criptovalute”.

Durov si è lamentato del fatto che il settore crypto sia finito per essere “concentrato nelle mani di pochi che hanno iniziato ad abusare del loro potere”, con evidente riferimento a ciò che è accaduto negli ultimi tempi a piattaforme centralizzate come Celsius, FTX e BlockFi.

Per il fondatore di Telegram la soluzione sarebbe quella di tornare alla decentralizzazione ed ai wallet non custodial di proprietà degli utenti.

Come esempio ha citato Fragment, una piattaforma di aste completamente decentralizzata basata sulla blockchain di The Open Network (TON). Non è un caso che oggi il prezzo della criptovaluta TON stia guadagnando il 7%.

Ha concluso scrivendo:

“Con tecnologie come TON che raggiungono il loro potenziale, l’industria blockchain dovrebbe essere finalmente in grado di realizzare la sua missione principale: restituire il potere alle persone”.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.