Pubblicato il white paper del progetto italiano supportato da Steve Wozniak

Efforce Whitepaper con Steve Wozniak

Vi avevo già parlato di EFFORCE, ovvero il progetto italiano dedicato all’efficienza energetica supportato dal co-fondatore di Apple Steve Wozniak.

Sul sito efforce.io è stato finalmente stato pubblicato il white paper del progetto, che consente di capire nel dettaglio la natura del progetto, e del suo token WOZX.

La roadmap prevede il lancio di una piattaforma basata su blockchain dedicata ai progetti di efficientamento energetico, con l’intento di riunire da un lato coloro che vogliono migliorare l’efficienza energetica dei loro edifici o dei loro processi industriali, e dall’altro un pool di investitori interessati ad essere rimborsati in energia risparmiata. 

EFFORCE in questo modo può tokenizzare il risparmio energetico, rendendo questo mercato accessibile a tutti. 

Il token si chiamerà EFFORCE, avrà come simbolo WOZX, e sarà un classico utility token ERC20 basato sulla blockchain di Ethereum. Verrà messo sul mercato tramite un private placement. 

I token WOZX fungeranno come certificati del risparmio energetico, e consentiranno ai loro possessori di ottenere in cambio una parte dell’energia risparmiata da tutti i progetti di efficientamento finanziati dalla società. Inoltre, daranno ai loro possessori diritto di voto per la governance generale della piattaforma. 

Il white paper ha rivelato anche la squadra che sta dietro al progetto. Oltre a Wozniak ci sono i co-fondatori Jacopo Visetti (che con AitherCO2 negli 8 anni di esperienza accumulati nel campo dell’efficienza energetica ha aiutato più di 2.000 clienti a risparmiare più di 700 milioni di dollari in costi energetici), Jacopo Vanetti, Ken Hardesty, Stefano Scozzese e Andrea Castiglione, il CEO Sergio Carloni, il direttore Corrado Catania ed altre sei persone.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Pubblicato il white paper del progetto italiano supportato da Steve Wozniak ultima modifica: 2019-10-09T16:47:25+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti