A Porto Rico sta nascendo Puertopia, la prima criptocittà autogestita

portoricoPorto Rico (o Puerto Rico in lingua locale) è un’isola dei Caraibi, di proprietà degli Stati Uniti d’America (tra qualche anno potrebbe diventare il 51° Stato degli USA). Ultimamente un gruppo di californiani arricchitisi con investimenti in criptovalute (soprattutto Bitcoin) ha occupato un vecchio hotel nei dintorni della capitale San Juan. Sono alla ricerca di terreni ed immobili da acquistare per fondare la prima criptocittà autogestita del mondo!

Il loro sarebbe un vero e proprio esperimento sociale ed urbanistico basato su un sistema decentralizzato (come quello che “governa” Bitcoin), senza alcun singolo soggetto autoritario. Hanno scelto Porto Rico sia perchè l’isola offre molte risorse a costi contenuti (soprattutto terreni e immobili), sia soprattutto perchè offre un regime fiscale agevolato (addirittura non ci sono tasse su redditi e su plusvalenze finanziarie).

Pare che tutto sia nato da due portoricani, Guillermo Aviles e Fabian Velez, e da Paul McNeal, della Virginia: dopo i danni provocati dall’uragano Maria hanno messo su un’unità di soccorso con droni, poi hanno fondato un’organizzazione no-profit per aiutare la popolazione grazie alle criptovalute (TokenCoin). L’organizzazione si è poi ampliata, ha attratto nuovi investitori e americani arricchitisi con le criptovalute, fino a diventare un progetto di vera e propria sperimentazione sociale. A capo dell’organizzazione (ammesso che si possa definire “capo”) c’è Brock Pierce, direttore della Bitcoin Foundation e fondatore di BlockOne (la start-up che emette EOS).

Dice Stephen Morris, uno di loro: «Non è solo che non ci piace pagare le tasse. Portorico consente soprattutto di costruire qualcosa di totalmente nuovo. Puoi farlo solo dove si ricomincia da zero. Come qui: l’uragano ha spazzato via tutto».

Il progetto si chiama Puertopia, ed è ancora in fase di progettazione (non è ancora stato realizzato nulla). L’obiettivo sarebbe quello di costruire una nuova “cripto” città in cui il denaro è solo digitale, ed i contratti sono tutti pubblici, per mostrare al resto del mondo che un futuro del genere è possibile. La Blockchain ha il potenziale per reinventare la società, e Puertopia vuole dimostrarlo.

Ad oggi stano discutendo se comprare addirittura la Stazione Navale Roosevelt Roads, che misura 9.000 acri e dispone di due accessi alle acque profonde e di un aeroporto adiacente, ma non si sa ancora bene come vorrebbero utilizzarla.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Fonte: www.bloomberg.com/view/articles/2018-02-06/bitcoin-billionaires-want-a-crypto-utopia-in-the-sun

A Porto Rico sta nascendo Puertopia, la prima criptocittà autogestita ultima modifica: 2018-02-07T10:07:25+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti