Le criptovalute stanno evolvendo alla stessa velocità di Internet

evoluzioneLa Rete Internet è stata inventata nell’oramai lontano 1969. Però non solo allora si chiamava in un altro modo (Arpanet), ma era decisamente differente rispetto all’Internet che conosciamo noi. Infatti era una rete privata, sviluppata da un’agenzia militare dal governo degli Stati Uniti d’America, e diffusa solo in ambito militare e accademico.

L’Internet che conosciamo noi nasce invece nel 1990, quando, finita la guerra fredda, Arpanet viene sciolta, e la Rete Internet viene resa pubblica (ovvero aperta all’umanità intera). Anche se la parola “Internet” è stata coniata prima (nel 1982), e sebbene proprio già in quegli anni furono messe a punto le basi di ciò che sarebbe poi stata la Rete aperta, questa venne poi effettivamente aperta solo nel 1990, quindi prendiamo quest’anno come quello di nascita dell’Internet che conosciamo oggi (ovvero la Rete pubblica aperta).

Le criptovalute invece hanno una data di nascita precisa: 3 Gennaio 2009, ovvero quando è stato minato il primo blocco della blockchain di Bitcoin (la prima criptovaluta ad essere stata creata).

Tra queste due tecnologie c’è una cosa in comune: una bolla finanziaria. Infatti tra il 1997 ed il 2000 si formò la cosiddetta “Bolla delle dot-com“, a causa di un eccesso di euforia sul futuro dei progetti business basati su Internet. In particolare dal 1999 al 2000 si verifico una vera e propria esplosione delle quotazioni delle azioni delle aziende legate ad Internet, simile a quella che è iniziata nel 2017 nell’ambito delle criptovalute. Ovvero è possibile probabilmente paragonare questi due eventi simili, accaduti nel 1999 per quanto riguarda Internet, e nel 2017 per quanto riguarda le criptovalute.

Pertanto da quando Internet ha esordito sul mercato mondiale al momento in cui ha iniziato a formarsi la bolla (con l’esplosione delle quotazioni) sono passati circa 9 anni. Invece dal momento in cui le criptovalute hanno esordito sul mercato a quando si è formata la bolla sono passati circa 8 anni. E’ improbabile che questi due intervallo di tempo siano così simili per puro caso…

Pertanto è possible affermare che in questa prima fase di evoluzione le tempistiche che sta seguendo il processo evolutivo delle criptovalute siano simili a quelle seguite dalla Rete Internet stessa. Questo, se fosse vero, ci aiuterebbe a poter prevedere le possible tempistiche dell’ulteriore evoluzione della tecnologia delle criptovalute.

Ricordiamoci infatti che la bolla speculativa delle dot-com non spazzò via il settore dei business legati ad Internet, ma semplicemente fece un po’ di “pulizia”, portando al fallimento le aziende-fuffa, ed aprendo enormi spazi alle aziende serie (Google in primis), che poi nel corso dei 20 anni seguenti sono praticamente arrivate a dominare i mercati finanziari globali. Le cosiddette Big Five, ovvero Apple, Alphabet/Google, Amazon, Facebook e Microsoft, insieme ai due colossi cinesi Alibaba e Tencent, sono in assoluto tra le aziende con maggior capitalizzazione di mercato al mondo (Apple è la prima in assoluto). Lo scoppio della bolla speculativa quindi è servito a eliminare dal mercato i progetti poco competitivi, o addirittura finti, per lasciare spazio a quelli seri, ed è probabile che qualcosa del genere prima o poi accada anche per il mercato delle criptovalute.

Le analogie tra questi due processi evolutivi in realtà sono molte di più, e sono addirittura tra di loro intrinsecamente interconnessi per ragioni sia tecniche che sociali. Provate a tornare indietro nel 1999 ed a ricordarvi quale fosse allora il vostro giudizio sulla Rete Internet, e quali previsioni avevate al tempo riguardo l’evoluzione della medesima. Poi confrontate questi giudizi e queste previsioni con ciò che è accaduto realmente nei 20 anni seguenti. Ebbene, per le criptovalute è possibile che il percorso sia simile!

Iscriviti al nostro canale Telegram
Le criptovalute stanno evolvendo alla stessa velocità di Internet ultima modifica: 2018-01-18T10:05:37+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti