La Cina vuole vietare il mining di bitcoin (ed il prezzo scende)

Oggi un documento pubblicato sul sito del governo cinese ipotizza la repressione del mining di bitcoin.

In realtà, qualora lo facesse, farebbe a Bitcoin ben due favori, visto che per funzionare Bitcoin non ha assolutamente bisogno dei miner cinesi.

Anzi, i miner cinesi sono quelli che inquinano di più, visto che diversi di loro utilizzano energia elettrica prodotta con carbone ed altri fonti fossili non rinnovabili.

Inoltre la Cina sembra aver ormai definitivamente abbandonato lo sviluppo e lo sfruttamento della vera blockchain, quella decentralizzata, di fatto lasciando campo libero agli altri.

Tweet con la notizia:
https://twitter.com/WuBlockchain/status/1395744914000863233

Link al sito del governo cinese:
http://www.gov.cn/xinwen/2021-05/21/content_5610192.htm?ivk_sa=1023197a

Mio precedente video sulla Cina e l’abbandono della blockchain:
https://www.youtube.com/watch?v=-vyF78uFjp4

Mio indirizzo email:
info@marcocavicchioli.it

La Cina vuole vietare il mining di bitcoin (ed il prezzo scende) ultima modifica: 2021-05-21T17:19:44+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti