Bitcoin meglio di Google e Amazon nel post-pandemia

A marzo 2020 ci fu il crollo dei mercati finanziari dovuto all’inizio della pandemia.

Prendendo come riferimento i valori pre-crollo, ovvero quelli di febbraio 2020, si scopre che il prezzo attuale di Bitcoin (17.000$) risulta essere del 70% superiore a quello pre-crollo di circa 10.000$.

Facendo lo stesso calcolo con i prezzi delle azioni di alcune delle più note società tech USA si scopre che:

  • Alphabert (ex Google) ha fatto +33%
  • Microsoft ha fatto +35%
  • Amazon ha fatto -12%, ma il prezzo attuale è in linea con quello di dicembre 2019
  • Apple invece ha fatto +81%.

Ci sono però anche alcuni titoli che rispetto a febbraio 2020 oggi sono in perdita:

  • Netflix -19%
  • PayPal -36%
  • e, soprattutto, Meta (ex Facebook) con -45%.

Prendendo l’indice Nasdaq 100 nel suo complesso, il valore attuale è del 23% superiore a quello di febbraio 2020, mentre l’S&P500 è a +20%.

Quindi in questi confronti Bitcoin fa peggio solo di Apple, e molto meglio di tutti gli altri.

Va però aggiunto che Tesla invece ha fatto segnare un clamoroso +218%, ma è un’eccezione.

Non va dimenticato che proprio nel 2020, dopo il crollo dei mercati finanziari di marzo, la Fed e le altre banche centrali hanno deciso di creare enormi quantità di denaro fiat dal nulla ed immetterlo sui mercati finanziari.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.