Vitalik Buterin contro i token di governance

Oggi il celeberrimo co-fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha pubblicato un paio di tweet contro i token di governance.

I token di governance sono quei token che consentono di prendere parte alle votazioni all’interno delle DAO (Decentralized Autonomous Organization).

Buterin ha scritto che la narrazione secondo cui tali token dovrebbero avere un valore perchè danno “diritti di governance” è patologica.

Ha aggiunto:

Stai letteralmente dicendo “Sto comprando $X perché in seguito qualcuno potrebbe comprarlo da me e da un gruppo di altre persone per distorcere il protocollo verso i loro interessi speciali”.

Ha motivato queste esternazioni dicendo che non è un buon affare per un utente comune pagare ad esempio 500$ per avere “una probabilità dello 0,0001% di influenzare l’esito di alcuni voti”. Secondo Buterin le uniche persone per le quali i token di governance potrebbero essere un buon affare sono i multimilionari e gli hedge fund, compresi coloro che vogliono acquisire token per avere il potere di “aggredire” le DAO.

Infine ha dichiarato che l’attuale governance di Ethereum è sicuramente migliore rispetto alle governance delle DAO basate su votazioni.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.