Test mining scheda grafica AMD RX 580

AMD RX 580Riceviamo da Luigi Travaglini e pubblichiamo. 

Quest’oggi vi portiamo un qualcosa di diverso rispetto ai soliti articoli. Di fatti oggi portiamo una recensione della scheda grafica AMD RX 580 con 4gb di ram e delle sue prestazioni nel mining.

Partiamo subito con il prezzo di quest’ultima che, su Amazon, si aggira intorno ai 270 €.

Abbiamo avuto la possibilità di testare questa scheda che ci ha dato ottimi risultati. Con le solite impostazioni di stock raggiunge con il dagger hasimoto, algoritmo dell’Ethereum, i 22,5 mh/s che sono un buon risultato. Sulla carta il guadagno lordo si aggira intorno a 1,35 dollari, che con i costi italiani per l’energia elettrica non sono però un grande introito. Infatti la scheda in sé consuma circa 130 watt l’ora che non sono di certo uno scherzo per un qualcosa che deve rimanere online 24 ore al giorno 7 su 7.

Sempre con i valori di stock la scheda raggiunge 580 h/s per il Monero mining (algoritmo crypto night), che ci da un guadagno molto simile a quello per l’Ethereum.

Per il terzo ed ultimo algoritmo, l’Equihash, algoritmo dello Zcash, la scheda non dà dei buoni risultati: intorno ai 280h/s. Sconsigliamo l’uso di questa scheda per minare Zcash poiché i guadagni sono molto bassi.

La scheda è stata testata anche in overclock mode con bios modificato e i risultati sono stati eccezionali, 29mh/s per il dagger hashimoto che dà un ottimo guadagno, intorno a 1.75 dollari, e molto importante la scheda consuma di meno, attorno ai 100 watt solo la gpu.

Vi terremo aggiornati per nuovi test sugli altri algoritmi. I driver utilizzati per tutti i test sono i crimson beta driver for mining.

Iscriviti al nostro canale Telegram

Chiunque volesse consulenze sul bitcoin e sugli hardware, vi invito a seguire o contattarci sulla mia pagina Crypto Green Mining che lavora in stretto contatto con il bitcoin. Fateci sapere se questi nuovi articoli vi piacciono interagendo per mezzo dei social.

Test mining scheda grafica AMD RX 580 ultima modifica: 2017-11-21T17:47:51+00:00 da Luigi Travaglini

Condividi questo articolo:

Commenti