Su Rai 3: “Le criptovalute sono un attacco diretto alle banche”

Ieri è andata in onda su Rai 3 una puntata di TGR Piazza Affari, la rubrica di approfondimento economico-finanziario della TGR, con un intervento dedicato a blockchain e criptovalute.

Il video è stato poi pubblicato sul sito di Rainews ed ora è visibile online da chiunque.

Nel video, a patire dal minuto 1:55, si vede il conduttore Paolo Gila intervistare Valeria Portale, direttrice dell’Osservatorio su Blockchain e DLT del Politecnico di Milano.

Attorno al minuto 3:55 il conduttore chiede quale sarà l’impatto delle nuove tecnologie legate alla blockchain sul sistema finanziario attuale.

Portale risponde dicendo:

“Sicuramente blockchain e criptovalute stanno cambiando il sistema tradizionale.

[…] Queste tecnologie nascono per consentire di scambiare moneta anche senza un intermediario finanziario. Capite che è un attacco diretto al mondo bancario tradizionale.

[…] Probabilmente le banche non spariranno, ma cambierà il modo con cui pagheremo e cambieranno i sistemi con cui le banche offriranno servizi ai cittadini.

Portale poi risponde ad un’altra domanda su Libra, dicendo che probabilmente in futuro nasceranno tante altre monete di questo tipo, anche se non tutte sopravviveranno. Inoltre aggiunge che le Banche Centrali debbono porsi un po’ di domande, in particolar perchè queste nuove monete sono sovranazionali, mentre le tradizionali monete fiat sono invece nazionali, o al massimo continentali.

Infine Portale afferma che aumenterà la competizione in questo settore, ovvero quello monetario, in cui invece siamo abituati da molti decenni ad un’assenza di fatto di competizione, se non altro a livello nazionale.

Valeria Portale ha dimostrato con questa intervista un’ottima conoscenza del settore, ed un’ottima capacità di sintesi, e va dato atto a Paolo Gila ed alla redazione di Piazza Affari di aver scelto un ottimo interlocutore a cui rivolgere queste domande.

#stiamoarrivando

Iscriviti al nostro canale Telegram
Su Rai 3: “Le criptovalute sono un attacco diretto alle banche” ultima modifica: 2019-07-25T18:10:01+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti