Problema Grayscale “risolto”: Bitcoin torna a salire leggermente

Nel corso degli ultimi giorni a gettare paura sui mercati crypto è stato il rifiuto da parte di Grayscale di fornire prove delle sue riserve.

Il fondo infatti dovrebbe avere in riserva più di 630.000 BTC, ed il rifiuto di fornirne le prove aveva generato il timore che potesse non averli più.

Inoltre questa mattina è stata diffusa la notizia che il presidente USA Joe Biden ha chiesto di fatto una regolamentazione internazionale dei mercati crypto, ed il prezzo di Bitcoin è sceso sotto i 16.000$.

Poi però Coinbase Custody ha confermato di avere in custodia 635.235 BTC per conto di Grayscale, e le paure di cui sopra si sono un po’ dissolte.

Sebbene la dichiarazione di Coinbase in realtà non sia sufficiente per provare con certezza che Grayscale abbia tutte le riserve necessarie a coprire i suoi fondi, e le azioni emesse, è bastata a far tornare il prezzo di BTC sopra i 16.100$.

Va tuttavia aggiunto che il prezzo di Bitcoin non ha ancora recuperato tutto ciò che ha perso da ieri.

Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri articoli di questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.