Perchè oggi Bitcoin è sceso a causa dell’inflazione, e poi è risalito subito?

Oggi alle 14,29 il prezzo di bitcoin era di circa 45.000$.

Alle 14,30 viene reso noto che a gennaio negli USA l’inflazione è salita al 7,5%, ed il prezzo di bitcoin di colpo scende a 43.200$ in mezzoretta.

Poi, di colpo, risale a 45.000$ nell’ora successiva.

Perchè?

E, soprattutto, perchè è sceso quando si è scoperto che l’inflazione era salita?

Il problema è che bisogna distinguere nettamente i movimenti del prezzo sul breve (o brevissimo) periodo da quelli sul medio o lungo periodo.

Sul brevissimo periodo oggi è accaduto che la notizia che a gennaio l’inflazione in USA è stata superiore alle attese ha spaventato i mercati finanziari, che odiano le sorprese. Ovvero non è il fatto che l’inflazione a gennaio sia stata del 7,5% ad aver causato il calo, ma la pubblicazione della notizia che è stata superiore alle attese.

Infatti l’incremento dell’inflazione è avvenuto a gennaio, mentre il calo si è verificato il 10 febbraio alle ore 14,30 perchè proprio a quell’ora è stata pubblicata la notizia che è risultata essere inattesa dai mercati. In questi casi i mercati reagiscono sempre “di pancia” sul brevissimo periodo, e poi nel corso delle ore ci ragionano un po’ meglio su e magari cambiano anche idea.

Quindi oggi alle 14,30 i mercati hanno reagito di pancia in modo decisamente impaurito, vendendo asset per comprare dollari con cui speravano di poter poi riacquistare altri asset a prezzo inferiore. Ma gli è andata male, perchè il prezzo degli asset è sceso solo per mezzoretta, e poi ha si è fermato. A quel punto hanno iniziato a comprare, e tutto è sostanzialmente tornato come prima.

Bitcoin non ha fatto eccezione (e non poteva farla). Sul breve periodo la sua natura risk-on predomina sempre, e quindi l’andamento del suo prezzo segue sempre quello di altri asset risk-on (ovvero investimenti a rischio).

Ma sul medio e lungo periodo è tutta un’altra storia.

Infatti se sul breve periodo è la notizia dell’inflazione superiore alle attese a far muovere i mercati, sul medio/lungo periodo invece è proprio la perdita di potere di acquisto del dollaro, anche chiamata “inflazione”.

Basti pensare che il 7,5% comunicato oggi è la perdita di potere di acquisto del dollaro negli ultimi 12 mesi. Nel medesimo periodo il valore di bitcoin in dollari è sostanzialmente lo stesso, e se ci spingiamo indietro di altri 12 mesi scopriamo che il valore di bitcoin in dollari è aumentato del 350%.

Quindi sul lungo periodo il potere di acquisto di bitcoin sta continuando ad aumentare, mentre quello del dollaro sta continuando a scendere. Sul breve periodo invece notizie inattese come quelle di oggi possono influire negativamente sul prezzo di bitcoin a causa della sua natura risk-on.

E’ molto importante essere in grado di distinguere chiaramente queste due dinamiche se si vuole operare sui mercati crypto con cognizione di causa. Inoltre è sconsigliabile a chi non fa trading intraday preoccuparsi troppo delle oscillazioni sul breve o brevissimo periodo, perchè a causa dell’inevitabile alta volatilità del prezzo di bitcoin queste risultano essere troppo “nervose” per essere “sopportabili”.

Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri post su questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.