Per Ronnie Moas Bitcoin potrebbe raggiungere i 400mila dollari

Ronnie MoasQualcuno definisce Ronnie Moas un “guru” delle criptovalute. E’ il fondatore di standpointresearch.com ed ha alle spalle una lunga carriera di investitore di successo. Standpoint Research è “uno stock picking di alto rango”, ed è sempre stato molto fiducioso su Bitcoin: a luglio 2017 disse che Bitcoin avrebbe potuto raggiungere quota 20mila entro 3 anni (previsione quasi avverata a dicembre 2017), e fissò l’obiettivo di prezzo a 10 anni a 50mila dollari.

Ora invece secondo lui in futuro Bitcoin potrebbe arrivare tra quota 300mila e quota 400mila dollari, diventando la valuta più preziosa al mondo. Ho dichiarato:

“Dal mio punto di vista, il genio è uscito dalla lampada, e gli asset cripto continueranno a salire e toglieranno la quota di mercato da azioni, altri metalli preziosi, obbligazioni e valute”.

Moas ritiene che il prezzo del Bitcoin possa aumentare di nuovo del 500% come ha fatto da quando lo ha suggerito per la prima volta nel 2017. A tal proposito ha aggiunto:

“Il gioco finale su bitcoin è che a mio avviso arriverà tra 300.000 $ e 400.000 $, e sarà la valuta più preziosa al mondo.
Non so quanto oro ci sia nel terreno, ma so quanti bitcoin ci siano, e tra due anni ci saranno 300 milioni di persone nel mondo che cercheranno di mettere le mani su alcuni milioni di loro. Questa sbalorditiva domanda, e l’offerta squilibrata, è ciò che farà aumentare il prezzo.
Guardo bitcoin allo stesso modo in cui guardo Amazon. Il modo di giocare [con il titolo di] Amazon negli ultimi 15 anni è stato comprarlo, tenerlo e ricomprarlo durante i crolli. Questo è esattamente il modo in cui penso che le persone dovrebbero giocare con bitcoin”.

Inoltre Moas ha postato un tweet in cui dichiara di vedere il 60%-70% di probabilità che bitcoin ri-testi quota 20mila dollari nel 2018 o nel 2019. Tuttavia non nasconde che potrebbe anche andare molto più in basso.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Per Ronnie Moas Bitcoin potrebbe raggiungere i 400mila dollari ultima modifica: 2018-03-27T11:53:28+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti