Pavo, la ICO dedicata al settore della cannabis

pavoPavo è una soluzione basata su blockchain che si rivolge, inizialmente, al settore della produzione e commercializzazione della cannabis (in alcuni paesi infatti è legale).

L’obiettivo è quello di aiutare i coltivatori a gestire le proprie operazioni e la supply chain. Inoltre prevede anche di offrire una criptovaluta per l’intero ecosistema che ruota attorno alla produzione e distribuzione della cannabis in ambito B2B (quindi esclusa la commercializzazione sul mercato finale): coltivatori, grossisti , distributori, produttori di derivati e altri, in modo da garantire pagamenti sicuri e affidabili. La ICO sarà gestita da ICOBox, che fornirà una gamma completa di servizi tecnici, legali e di marketing.

Infatti quando i governi autorizzano l’uso e la vendita di cannabis medica introducono anche regole severe che devono essere osservate da acquirenti, produttori e forze dell’ordine. I produttori di cannabis medica sanno che non c’è spazio per errori: la legge prevede che i produttori autorizzati rispettino la sicurezza, la produzione, la tenuta dei registri e gli standard di qualità. Ogni produttore autorizzato deve adottare le misure appropriate per garantire che ogni aspetto delle proprie operazioni sia tracciato per la segnalazione e l’ispezione della conformità obbligatoria. Il mancato rispetto di questi standard potrebbe comportare la perdita della licenza per coltivare e vendere cannabis medica. Quindi oltre ad aiutare i coltivatori di cannabis a migliorare la qualità del loro raccolto, Pavo rende anche più facile per loro gestire le loro operazioni in modo efficiente e trasparente: dalla tassazione alla conformità normativa alla gestione del costo dei beni, dal controllo dell’inventario al reinvestimento della crescita. Pavo li vuole aiutare con il suo sistema all’avanguardia basato su blockchain, che permette di gestire la propria attività dal seme alla vendita, garantendo l’autenticazione, la riservatezza e la responsabilità, rendendo al contempo decisioni agricole e aziendali più intelligenti, più rapide e più sostenibili basate su dati reali.

L’intero ecosistema di Pavo è alimentato dalla sua criptovaluta PavoCoin, che sta per essere offerta tramite prevendita pubblica, che inizierà il 15 marzo 2018. PavoCoin sarà una moneta funzionale che consentirà ai produttori di accettare pagamenti digitali dai loro clienti e dai membri della comunità. L’azienda punta a raccogliere 65 milioni di dollari tramite la sua ICO, che verrà utilizzata per finalizzare il progetto e supportare l’ecosistema. “Stiamo cercando di cambiare per sempre il funzionamento del mercato della cannabis”, afferma Erhan Cakmak, co-fondatore e CEO dell’azienda. “Crediamo che blockchain sia il mezzo perfetto che legherà tutti i partecipanti al mercato in un unico sistema coerente, trasparente, sicuro e sostenibile, e il nostro obiettivo è diventare il mercato definitivo per questo settore in continua espansione.”

A differenza di molti ICO, Pavo ha già un prodotto funzionante che è attualmente in fase di implementazione pilota con i coltivatori nell’area della Baia di San Francisco. Al completamento della ICO Pavo prevede l’adozione del suo sistema in 500 siti di coltivatori nei primi 12 mesi e di 1.000 nei primi 18 mesi. In futuro addirittura vorrebbe aggiungere lo scambio di futures legati alla cannabis.

“Pavo sta affrontando una questione molto importante nel mercato della cannabis: trasparenza e sostenibilità”, afferma Nick Evdokimov, co-fondatore di ICOBox. “ICOBox è una soluzione perfettamente adatta per progetti basati su blockchain come Pavo: lavoriamo a stretto contatto con il loro team per preparare l’ICO mentre l’azienda può concentrarsi sul business attuale, gli ostacoli incontrati dall’industria della cannabis sono complessi e unici, e il team si sta preparando a lanciare un prodotto solido e innovativo che porterà vantaggi significativi a tutti i partecipanti al mercato “.

Fonte: pavocoin.com

Pavo, la ICO dedicata al settore della cannabis ultima modifica: 2018-02-19T18:15:45+01:00 da Fonte esterna

Condividi questo articolo:

Commenti