NO, il brevetto di Amazon NON eliminerà l’anonimato di Bitcoin

amazon bitcoinPurtroppo sta girando una notizia falsa (riportata anche da testate di livello nazionale).

Secondo questa notizia “l’anonimità del bitcoin e delle altre criptovalute potrebbe presto essere solo un ricordo, per via di una nuova tecnologia brevettata da Amazon”. Questa affermazione è falsa.

Il brevetto in questione è quello di cui ho parlato qualche giorno fa sul Cryptonomist, e consiste in una tecnologia in grado di miscelare dati provenienti da fonti diverse. Qualcosa all’apparenza molto complicato, ma che in realtà non è nulla di straordinario. Ciò che si potrebbe fare con questo brevetto in realtà si può già fare ora, solo che la tecnologia brevettata da Amazon consente di automatizzare il lavoro di associazione in modo da renderla molto più performante rispetto alle tecniche attuali.

Quindi nulla di particolarmente nuovo o “pericoloso” per chi usa Bitcoin. Come scrissi nell’articolo per il Cryptonomist con questa nuova tecnologia “ad esempio i rivenditori online che accettano transazioni in bitcoin possono correlare un indirizzo di spedizione con un indirizzo bitcoin”. Ovvero SOLO qualora un utente fornisse volontariamente il proprio indirizzo Bitcoin le sue operazioni potrebbero essere tracciate da questa tecnologia. Ma ciò si può già anche fare oggi, perchè tutte le transazioni sono pubbliche: pertanto chi conosce l’indirizzo Bitcoin di una persona può vederne già oggi tutte le transazioni.

Quello che negli articoli sopra citati non dicono è che ognuno di noi può avere quanti indirizzi Bitcoin voglia: ad esempio, quando si potrà, uno da usare su Amazon, un altro da usare su Facebook, un altro da usare su Google, eccetera. Quindi il fatto che con questa nuova tecnologia Amazon sia in grado di tracciare automaticamente le transazioni di un indirizzo utilizzato sulla propria piattaforma significa solo che può automatizzare un processo che oggi si può fare solo a mano (ma si può già fare). Ovviamente però non può fare lo stesso con eventuali indirizzi utilizzati su altre piattaforme…

Chi sa bene come funziona Bitcoin sa anche che non ha senso utilizzare sempre lo stesso indirizzo per qualsiasi transazione, proprio perchè essendo tutte pubbliche, chiunque conosca il proprietario di un indirizzo può facilmente andarne a controllare tutte le transazioni. Ma se noi ad esempio utilizziamo un indirizzo diverso per interagire con ogni singolo mittente o destinatario, egli conoscerà solo il nostro indirizzo che utilizziamo per interagire con lui, quindi potrà conoscere solo tutte le transazioni intercorse tra noi e lui (senza avere la minima idea di quali siano quelle che facciamo con altri). Anche la tecnologia brevettata da Amazon si fermerebbe qui.

Pertanto nessun pericolo: basta usare queste tecnologie conoscendole bene!

Iscriviti al nostro canale Telegram
NO, il brevetto di Amazon NON eliminerà l’anonimato di Bitcoin ultima modifica: 2018-05-02T11:36:57+01:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti