Mt. Gox fu una truffa?

Mt. GoxVi ricordate il clamoroso fallimento di Mt. Gox nel 2014? All’epoca si disse che a causa di alcuni attacchi hacker i bitcoin depositati sui conti del sito giapponese semplicemente “sparirono”. Si trattava di circa 850mila bitcoin appartenenti ai clienti della piattaforma, per un valore complessivo all’epoca di 450milioni d dollari (oggi sarebbero 1,7 miliardi di euro). Di questi in realtà poi 200mila sono stati “ritrovati”, mentre per gli altri 650mila non c’è stato nulla da fare.

Da allora sta indagando la magistratura giapponese, ed ha scoperto parecchie cose strane riguardo il francese Mark Karpelès (co-fondatore e CEO di Mt. Gox). Infatti tra settembre e dicembre 2013 (qualche mese prima del fallimento) pare che Karpeles abbia spostato 341 milioni di yen (circa 3 milioni di dollari) dagli account dei clienti di Mt. Gox ad un conto a suo nome all’interno della piattaforma. Il quel periodo pare che la società stesse avendo grandi perdite tanto che il passivo superò l’attivo ad agosto 2013 dopo che il Dipartimento di Sicurezza Nazionale Usa a maggio aveva costretto i suoi clienti americani a ritirare i loro soldi da Mt. Gox.

Karpeles si è sempre dichiarato innocente, sia riguardo la vicenda degli yes “spostati”, sia riguardo il fallimento di Mt. Gox, ma la corte distrettuale di Tokyo sta ancora indagando. Sul Japan Times si legge che, secondo gli investigatori, il CEO di Mt. Gox gestiva parte dei fondi dei clienti in gestione alla società come se fossero fondi suoi, e di questo è accusato.

Nell’agosto 2015 Karpeles è stato poi arrestato per presunta manipolazione dei dati su Mt.Gox, ma è stato rilasciato con cauzione nel luglio 2016. Si narra anche di probabili spese folli dell’ex CEO anche dopo il fallimento della società.

La vicenda, che è sempre stata molto oscura, continua a non essere per nulla chiara. Non è detto che la corte distrettuale di Tokyo riuscirà a scoprire cosa sia veramente successo, e quali siano le reali responsabilità di Karpeles in questa vicenda. Ad oggi su Karpeles non pende alcuna condanna, e risulta tuttora solo indagato.

Vuoi sapere come investe sul bitcoin? Guarda questo video!
Mt. Gox fu una truffa? ultima modifica: 2017-07-12T14:45:34+00:00 da Marco Cavicchioli

Commenti