Le strategie ICO peggiori per aggirare la regolamentazione

Riceviamo da Dima Zaitsev, Responsabile PR internazionale di ICOBox e pubblichiamo

disperato

Il movimento blockchain ha ispirato molte persone di talento a diventare creativi. Negli ultimi anni, abbiamo visto la tecnologia del registro decentralizzato applicata in modi innovativi e fantasiosi che probabilmente il misterioso fondatore di Bitcoin e pioniere della blockchain Satoshi Nakamoto non aveva mai nemmeno immaginato. Sfortunatamente, abbiamo anche visto blockchain ispirare un altro gruppo di persone a diventare creativi in ??modo avido e sinistro, a cavalcare sulla tecnologia per cercare di arricchirsi rapidamente.

La maggior parte di questi tentativi ha riguardato le Initial Coin Offerings (ICOs). Mentre le ICO sono un modello efficace per il lancio di una fiorente rete basata su blockchain, molti truffatori hanno cooptato il modello, estrapolando funzionalità utili di blockchain nel tentativo di emettere token inutili (e privi di valore).

In generale, la maggior parte dei casi si riduce a qualcosa di simile a creare un token senza scopo reale, creare hype attorno al token, provare a vendere il token al maggior numero possibile di persone e poi scappare con i soldi che hai guadagnato dalla vendita . Vendere qualcosa di inutile di per sé normalmente non è illegale, ma questi truffatori spesso promettevano ai possessori di token che i loro acquisti sarebbero scambiabili in borsa e aumentati di valore. Aziende più legittime hanno cercato di utilizzare le vendite di token come metodo di raccolta di fondi, ma non sono riuscite a trovare casi di utilizzo fattibili per i loro token e stavano essenzialmente emettendo velatamente titoli [azionari].

Organismi di regolamentazione come la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti si sono affrettati a prendere in considerazione molti token come titoli non registrati e sono intervenuti. Ovviamente, la vendita di titoli non registrati è illegale e la SEC non deve essere presa sottogamba. Quasi ogni paese ha proprie leggi relative all’emissione di titoli, alla tutela degli investitori e alla promozione dei medesimi, il che significa che le persone che gestiscono organizzazioni non conformi possono subire pesanti sanzioni pecuniarie o addirittura il carcere in molte giurisdizioni. All’inizio, le ICO poco chiare speravano solo di battere la regolamentazione a causa della natura nascente del modello, ma non appena i regolatori hanno iniziato a reprimere, una folle corsa si è scatenata per schivare le regole e almeno apparire conformi.

In ICOBox , i modelli di business dei nostri clienti vengono accuratamente esaminati e hanno il lusso di poter contare su un team legale esperto di leggi sui titoli, e sviluppatori blockchain altamente qualificati. Usando questa ricchezza di conoscenze, siamo in grado di creare il modello di business di vendita e blockchain perfetto e conforme, senza dover tarpare le ali o entrare in aree grigie della regolamentazione. Molti altri progetti ICO non possono dire lo stesso e hanno fatto ricorso a strategie veramente “creative” per provare a emettere token scansando i regolatori. Abbiamo selezionato le prime tre strategie peggiori che abbiamo visto utilizzare illegalmente ICO per tentare di eludere le leggi sui titoli.

Questionari – Molte organizzazioni internazionali hanno affermato che stavano vendendo utility token per provare a contrastare le normative sui titoli, quando essenzialmente invece vendevano azioni non sostenute da titoli azionari. I token di utilità richiedono casi d’uso chiari e consolidati, che mancano alla maggior parte di questi progetti.

Poiché non hanno un piano aziendale concreto in atto e utilizzano i token come strumento di raccolta di fondi, queste ICO cercano di sottrarsi alle autorità di regolamentazione richiedendo agli acquirenti di token di compilare un questionario.

Anche se il contenuto di questi questionari varia, c’è sempre una domanda che chiede se l’acquirente tratta il token come un investimento o vuole diventare parte della rete. Se l’acquirente sceglie l’opzione “investimento” non potrà procedere con l’acquisto fino a che non selezionerà un’altra opzione… 😉

Negli Stati Uniti, se qualcosa è una security è determinato dal test di Howey, e non da domande che confidano dell’ingenuità dell’acquirente. Alcuni questionari attentamente elaborati sono legittimi e passano sotto esame legale, ma basarsi su un questionario per dimostrare che non si vendono titoli non registrati può essere un ottimo modo per far ridere gli avvocati della SEC e un giudice federale.

Airdrops – Uno dei mezzi più popolari per rilasciare token è l’utilizzo del metodo “airdrop”, in cui i destinatari dei token ricevono token “liberi” per l’iscrizione a una rete blockchain. I destinatari sono spesso tenuti a promuovere l’ICO, a riferire agli amici o almeno a fornire all’ICO le loro informazioni di contatto.

Anche se questo potrebbe sembrare un nuovo modo per far crescere una base di utenti, le aziende hanno provato tattiche simili alla fine degli anni ’90 quando offrivano “scorte gratuite” in cambio di promozione. La SEC non ha accolto favorevolmente questa tattica, segnalando rapidamente la mossa come illegale. Non c’era denaro che veniva scambiato, ma la società stava guadagnando pubblicità, e gli azionisti speravano di trarre profitto da una maggiore valutazione.

Gli Airdrops sono nuovi solo di nome, e già sulla lista nera della SEC.

Beni per token – Diverse società hanno lanciato il modello “merci per token” dove ti vendono un oggetto, come una maglietta, e poi ti rimborsano i costi in quella che credono essere la quantità equivalente dei loro token. Ancora una volta, questo metodo tenta di aggirare la regolamentazione in punta di piedi non vendendo tecnicamente un token. L’emittente di token può affermare che stavano “semplicemente vendendo una maglietta”, tuttavia, tutto ciò che stanno facendo è complicare la transazione di vendita di token.

Vendere a qualcuno un bene e rimborsarlo in token potrebbe anche essere una vendita del token stesso e se quei token sono considerati una security non registrata, allora sei fuori.

L’intera industria di blockchain deve smettere di schivare i regolatori e cercare di scendere nei tecnicismi e affrontare le leggi sui titoli a testa alta. Se la blockchain raggiungerà il suo pieno potenziale, le startup dovranno mettersi al lavoro, consultare esperti e cercare modi conformi per far progredire il settore, e non solo per arricchirsi rapidamente.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Le strategie ICO peggiori per aggirare la regolamentazione ultima modifica: 2019-02-07T11:35:47+01:00 da Redazione

Condividi questo articolo:

Commenti