La Corea del Nord “attacca” la Corea del Sud per rubare bitcoin

corea del nordLa Corea del Nord non è in rotta di collisione solo con gli USA, ma sta letteralmente attaccando i coreani della Corea del Sud per rubare loro bitcoin (pare per finanziare le proprie attività).

Le accuse arrivano direttamente dalla Corea del Sud: già dal 2013 al 2015 la Corea del Nord avrebbe rubato più di 100 milioni di won (88mila dollari) ai coreani del sud, attraverso campagne di spear phishing. Hacker della Corea del Nord fingono di essere autorità di sicurezza della Corea del Sud inviando messaggi di posta elettronica contenenti in realtà malware. Le email infatti sono state inviate da uno stesso indirizzo IP collegato a precedenti noti tentativi di hacking provenienti dalla Corea del Nord.

Secondo la polizia della Corea del Sud gli hacker hanno inviato 10 email a 25 operatori di 4 siti di exchange locali spacciandosi per ufficiali di istituzioni coreane come la polizia, l’amministrazione comunale di Seoul o l’Istituto di Sicurezza Finanziaria del paese. Un rapporto della società di sicurezza FireEye ha confermato queste ipotesi dicendo che da maggio 2017 hanno osservato nuovamente operatori della Corea del Nord che avevano preso di mira almeno tre exchange della Corea del Sud con l’intento sospetto di rubare fondi. La Corea del Nord avrebbe interesse ad acquisire (anche illegalmente) bitcoin per aggirare le sanzioni previste contro di essa. Inoltre secondo un altro rapporto di luglio 2017 oltre a sviluppare armi nucleari il paese sta anche cercando di minare bitcoin.

Di sicuro alcuni exchange della Corea del Sud sono stati attaccati con successo in passato, con milioni di won rubati a Bithumb sempre a luglio. In questo caso la Corea del Nord non è stata collegata direttamente al furto, ma è possibile che il paese abbia avuto un ruolo (magari indiretto, come ad esempio l’assunzione di hacker a cui affidare il furto per proprio conto). Il paese è anche accusato di aver tentato di hackerare addirittura la Banca Centrale della Corea del Sud in molteplici occasioni quest’anno, ma senza riuscirci.

Fonte: siliconangle.com/blog/2017/09/27/north-korea-hacking-bitcoin-exchanges-along-threatening-nuclear-war


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.