Ecco come la Cina blocca ufficialmente le criptovalute

La Cina prosegue i suoi piani per fermare i cambi di Bitcoin nel Paese, a partire dalle piattaforme di trading nelle città principali.

Tutti i cambi di Bitcoin a Pechino e Shanghai hanno ricevuto l’ordine di presentare i piani di liquidazione delle proprie operazioni entro il 20 settembre.

La mossa segue la decisione della banca centrale cinese di vietare le offerte iniziali delle monete dall’inizio di settembre.

Top Exchange BTCC ha detto che avrebbe smesso di negoziare alla fine del mese.
Le autorità cinesi hanno deciso di vietare le monete digitali nell’ambito di un piano per ridurre i rischi finanziari del Paese.

Un sito web istituito dalla banca centrale cinese ha avvertito che le criptovalute sono “sempre più utilizzate come strumenti di attività criminali come il riciclaggio di denaro, il traffico di droga, il contrabbando e la raccolta di fondi illegali”.

Istruzioni rigorose

Secondo un documento scoperto online dagli utenti sul social network Weibo, visto da Coindesk, i regolatori cinesi hanno ordinato a tutti i cambi di criptovaluta di Pechino di smettere di registrare nuove registrazioni entro la mezzanotte locale del 15 settembre e di informare gli utenti pubblicamente della chiusura.

Oggi, mercoledì 20 settembre, entro le 18:30, tutti i cambi sono obbligati a inviare alle autorità di regolamentazione un dettagliato piano “privo di rischi” di come intendono uscire dal mercato.

Il regolatore ha inoltre ordinato ai cambi di presentare alle autorità locali DVD contenenti tutti i dati di negoziazione e di detenzione di criptovaluta degli utenti.

Gli azionisti, i dirigenti e il personale tecnico e finanziario di cambi sono tenuti a rimanere a Pechino durante lo spegnimento e a cooperare pienamente con le autorità.

Essere cauti
“La Cina sta chiudendo i cambi per buoni motivi – penso che sia giusto che siano prudenti in questo momento”, ha dichiarato alla BBC Paul Armstrong, un consulente tecnologico emergente e autore del libro Disruptive Technologies.
“Il Bitcoin è un proxy non regolamentato e peer-to-peer, è una valuta molto volatile”.

Tuttavia, il signor Armstrong non pensa che questa sarà la fine del Bitcoin in Cina.
“Lo stanno chiudendo per ora, ma non significa che in sei mesi o poco non creeranno nuovi regolamenti di Bitcoin come il Giappone e l’Australia,” ha detto.

Iscriviti al nostro canale Telegram

“Tutti gli altri Paesi dispongono di monete digitali e stanno prendendo decisioni importanti su di esso, quindi non ha senso che la Cina ci rinunci“.
Ha aggiunto che la decisione della Cina potrebbe indurre gli investitori cinesi a cercare alternative alle valute digitali, come spostarsi fuori dal Paese per i cambi operativi o per le “miniere” di Bitcoin in altre regioni.

Crypto Green Mining
Ecco come la Cina blocca ufficialmente le criptovalute ultima modifica: 2017-09-20T08:30:49+00:00 da Barbara Chionna

Condividi questo articolo:

Commenti