La Cina avrebbe più Bitcoin di MicroStrategy, nonostante il ban

Il co-fondatore e CEO di CryptoQuant, Ki Young Ju, sostiene che la Cina possiederebbe 194.000 Bitcoin.

Visto che MicroStrategy ne possiede circa 130.000, il governo cinese in questo momento avrebbe più BTC del colosso americano.

194.000 BTC ad oggi valgono quasi 4 miliardi di dollari, e sebbene una cifra tale per le casse dello Stato cinese sia poco rilevante, lo è invece per i mercati crypto, dato che Bitcoin capitalizza in totale circa 385 miliardi.

Il governo cinese nel 2019 sequestrò questi BTC, oltre a 833.000 ETH, ai truffatori di PlusToken, e non risulta che li abbia ancora ceduti. Quindi sembra proprio, in teoria, che li possieda ancora.

Nel caso in cui la Cina decidesse di venderli tutti insieme potrebbe produrre un significativo aumento della pressione di vendita, con conseguente calo del prezzo. Tuttavia se non lo ha fatto nel 2021 in pieno boom è difficile pensare che lo faccia ora.

Da notare che da tempo la compravendita di Bitcoin in Cina è vietata.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.