Kraken vi “raddoppierà” i Bitcoin (BTC) in BitcoinCash (BCC)

krakenPrecisazione: il titolo di questo pezzo riporta la parola “raddoppierà” tra virgolette perchè è un termine impreciso (però abbastanza chiaro). In effetti ci sarà un “raddoppio”, ma solo dei token complessivi (non del loro valore). Ma andiamo per ordine…

Coinbase (il più grande sito di exchange del mondo) ha fatto sapere che NON supporterà la nuova valuta BitcoinCash (BCC) se ci sarà il fork il primo di agosto. Così faranno anche la maggior parte degli altri exchange: infatti sostengono che la nuova valuta potrebbe persino non avere valore, quindi preferiscono non dover implementare soluzioni tecniche aggiuntive per poterla gestire. Quindi chi lascerà i propri bitcoin (BTC) su queste piattaforme, dopo l’eventuale fork si ritroverà i suoi BTC invariati, ma solo quelli.

Chi invece volesse avere sia i BTC che i BCC dopo il fork deve spostare i BTC su un wallet offline che consentirà eventualmente di gestire anche la nuova valuta (come ad esempio ha promesso Electrum). Quindi chi sposta i propri BTC su un wallet come questo, dopo l’eventuale fork si ritroverà i BTC che aveva prima sul suo wallet, ma se installerà anche il nuovo wallet per BitcoinCash si ritroverà anche una pari quantità di BCC. Tecnicamente così avrà un “raddoppio” dei token complessivi (suddivisi in pari quantità tra BTC e BCC). Esempio: se prima del fork avesse mezzo BTC sul wallet bitcoin, dopo il fork installando anche il wallet BitcoinCash avrebbe mezzo BTC su un wallet e mezzo BCC sull’altro. Tuttavia sebbene i token avranno di fatto lo stesso valore nominale, il valore reale sarà quasi sicuramente diverso, con il BTC che dovrebbe più o meno rimanere sui valori attuali, mentre il BCC non si sa nemmeno se avrà un vero e proprio valore reale!

Ebbene Kraken ha annunciato che consentirà il “raddoppio” dei BTC in BCC a chi lascerà i BTC sul loro wallet (qualora ci fosse il fork). Ovvero chi lascia i propri BTC su Kraken, a differenza di Coinbase e degli altri exchange dopo il fork avrà sempre gli stessi BTC, ma in più avrà una pari quantità di BCC. La cosa interessante è che Kraken dice anche chiaramente che i nuovi BCC potranno essere venduti sulla piattaforma in cambio di Euro, Dollari, o BTC (su Kraken i BTC vengono chiamati XBT, ed i BCC vengono chiamati BCH). Quindi se dopo il primo di agosto si riesce a vendere i BCC che si sono generati con il fork in cambio di BTC (sempre ammesso che i BCC abbiano un vero valore che consenta di usarli di fatto per comprare BTC) si potranno aumentare i BTC praticamente senza far nulla!

Va però detto che per prima cosa non si sa se il fork effettivamente avverrà (ma sembra comunque probabile che avvenga), ed in secondo luogo non si sa se i nuovi BCC avranno un valore reale tale da poter essere usati per acquistare BTC. Inoltre sebbene Kraken consenta di fare questo tipo di operazione, molti esperti suggeriscono comunque di non tenere BTC su exchange online durante il fork, e di preferire la prima opzione (il wallet offline), con cui si può fare la stessa cosa che consente di fare Kraken ma con maggior sicurezza (sebbene la procedura sia un po’ più difficile da eseguire dal punto di vista tecnico).

Kraken vi “raddoppierà” i Bitcoin (BTC) in BitcoinCash (BCC) ultima modifica: 2017-07-28T18:27:47+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti