Il G20 non si occuperà della regolamentazione delle criptovalute

g20In questi giorni il prezzo di bitcoin era in sofferenza probabilmente a causa della richiesta del Giappone al G20 di trattare il tema della regolamentazione delle criptovalute (il Giappone è uno dei mercati più importanti al mondo per le criptovalute).

Il G20 dedicato alla finanza è in corso a Buenos Aires (iniziato ieri, 18 Marzo 2018, si concluderà oggi). Il Financial Stability Board (FSB), che coordina i regolamenti finanziari per il G20, ha però affermato che non si occuperà di regolamentare le criptovalute, rifiutando la richiesta giapponese.

Il problema sollevato dal FSB pare sia quello dell’assenza di consenso nei confronti di un’azione radicale in questo settore, e che sarebbe necessario un maggiore coordinamento internazionale per colmare le lacune nel monitoraggio di questo settore in rapida evoluzione. Infatti probabilmente i 20 paesi più industrializzati del mondo, che fanno parte del G20, non sono in grado di prendere decisioni valide per tutti i restanti paesi del mondo (visto che le criptovalute sono in fenomeno globale). Non è un caso infatti che sia stato invece il Fondo Monetario Internazionale (FMI) a proporsi come principale candidato per questo ruolo.

Il presidente della FSB Mark Carney in una lettera ai banchieri centrali e ai ministri delle finanze del G20 ha scritto:

“La valutazione iniziale del FSB è che i cripto-asset non rappresentino rischi per la stabilità finanziaria globale in questo momento”.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Il G20 non si occuperà della regolamentazione delle criptovalute ultima modifica: 2018-03-19T11:00:28+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti