Il fallimento dei progetti crypto dei millennial

Riceviamo da ICOBox e pubblichiamo

Il 2018 è stato l’anno dei millenial nel mercato crypto.

Molti giovani che sognavano opportunità imprenditoriali hanno finalmente scoperto questa nicchia che ha permesso loro di tradurre in realtà le loro visioni. Ma, quasi con la stessa rapidità, si sono dovuti fermare. Gli esperti del Centro internazionale di ricerca Blockchain (IBRC) di ICOBox hanno infatti raggiunto una triste conclusione: il difficile contesto imprenditoriale non era il luogo ideale per questi sogni, e i giovani intraprendenti sono stati sostituiti da esperti squali del business.

Guardando indietro alla corsa sfrenata che ha avuto luogo nel mercato crypto nel 2018, molti diranno che i millennial non avevano alcuna possibilità. Ma non è affatto vero! Un’opportunità l’avevano, ma solo pochi erano realmente in grado di approfittarne. Quei pochi erano quelli più sensibili e prudenti.

Il problema con i millennial è che sono brillanti nel brainstorming e nel formulare idee fantastiche, ma tendono a perdere la testa nel tentativo quotidiano di portare a compimento i loro grandiosi piani. Piuttosto che costruire le proprie attività da zero, sarebbe più facile scalare attività aziendali già esistenti: è più conveniente, meno rischioso e richiede molta meno responsabilità.

L’industria crypto ha offerto un’opportunità straordinaria anche a coloro che non avevano nulla di meglio di un whitepaper di 50 pagine, e una conoscenza di base dell’economia, del marketing e dell’IT, probabilmente acquisite al college. Avendo ricevuto il semaforo verde per esprimere la propria creatività nello spazio crypto senza impegnarsi troppo, sono saltati in piedi per primi. Tristemente, alcuni sembravano aver lasciato alle spalle le loro protezioni. Alcuni hanno sperato in promesse di bitcoin a 50mila dollari, si sono tuffati nel day trading e hanno perso. Altri si sono riuniti con amici d’infanzia per avviare la loro startup, hanno fatto il loro primo milione tramite un’ICO, e poi si sono completamente persi quando si trattava di sviluppare effettivamente la loro attività. Anche questi hanno perso molto. Sembra che i più furbi fossero quelli che hanno afferrato il loro bottino durante l’ICO e sono svaniti nel nulla.

“Il problema con tutti questi esempi è che nessuno di loro ha nulla a che fare con il business reale, perché quando sentiamo Dacci dei soldi e penseremo a qualcosa invece di Abbiamo pensato tutto, abbiamo solo bisogno finanziamento, di solito è una cattiva notizia“, ??spiega Dima Zaitsev, Responsabile della PR internazionale e Business Analytics presso ICOBox. “Raramente si traduce in qualcosa di valore, ed è per questo che stiamo vedendo questo tipo di statistiche deprimenti per il numero di ICO fallite o addirittura fraudolente nel 2018”.

La crisi del mercato crypto ha già eliminato neofiti e avventurieri, e nel lungo periodo rimarranno in piedi solo i più forti. Tra un po’ gli investitori individuali saranno sostituiti da grandi operatori che non saranno interessati alle scarse riserve lasciate dai millennial, ma creeranno un nuovo mercato che opererà con successo secondo le proprie condizioni. La capitalizzazione del mercato crypto inizierà a salire quando queste aziende lanceranno i loro prodotti e saranno apprezzate dal mercato. Lungo la strada, probabilmente emergerà ed evolverà un nuovo mercato, quello dei security token e delle offerte di security token (STO). Questo meccanismo aiuterà i progetti che non hanno mai avuto accesso ai finanziamenti a trovare e connettersi con i loro investitori. Una convergenza della tecnologia blockchain e della regolamentazione legale lascerà il posto a nuovi modelli di business, e poiché questo nuovo approccio contribuirà a dare valore a grandi quantità di asset precedentemente non commercializzabili, il mercato vedrà un grande afflusso di nuovi capitali.

L’era del selvaggio West è finita: il mercato si sta spostando e crescendo.

“Abbiamo visto qualcosa di molto simile nel 1998-2000, e ricordiamo come è andata a finire: la gigantesca e vuota bolla delle dot-com è esplosa e coloro che hanno sovrastimato le loro abilità o scelto la loro strategia di sviluppo sono stati sballottati dalle potenti forze del mercato”, ricorda Dima Zaitsev. “D’altra parte, quella crisi ci ha portato anche giganti come Google, Amazon, Apple e molti altri ancora. Non sarei affatto sorpreso se ora si avventurassero nel mercato crypto per portare nuove soluzioni rivoluzionarie al mondo”.

E da qualche parte nelle viscere di questi nuovi progetti crypto ci saranno millennial che lavoreranno a costruire il loro futuro luminoso aziendale – gli stessi millennial che erano così vicino a diventare l’incarnazione dei nuovi modelli di business del 21° secolo. Ma è ora di accettare la verità: questo test è fallito.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Il fallimento dei progetti crypto dei millennial ultima modifica: 2019-02-04T17:15:16+01:00 da Redazione

Condividi questo articolo:

Commenti