I metodi di pagamento più diffusi sul web

La tecnologia ha rivoluzionato, completamente, la vita di ciascun individuo, rendendo la stessa più snella, agile e, in altre parole, migliore. Tra le tante opportunità offerte dalla rete, acquistare direttamente online è sicuramente la più sfruttata, in grado di coniugare due fattori da sempre ricercati da qualsiasi consumatore: comodità, grazie alla possibilità di veder recapitati i beni al proprio domicilio; risparmio, in virtù dei prezzi più convenienti.

Col passare degli anni, le metodologie di pagamento si sono decisamente ampliate, dando modo a qualunque utente, purché in possesso di una connessione internet, di poter acquistare bene e servizi tramite il web. Non c’è da stupirsi, di conseguenza, che il mondo dell’e-commerce, complice anche l’avvento della pandemia e il distanziamento sociale, sia diventata la via privilegiata, a livello mondiale, per la maggior parte dei consumatori.

Carta di credito, lo strumento attualmente più diffuso

Poco meno di vent’anni fa, agli albori del fenomeno dell’e-commerce, il metodo di pagamento maggiormente utilizzato era la carta prepagata, privilegiata in quanto consentiva di essere meno esposti, dal punto di vista economico, sul rischio frodi e phishing. La possibilità di caricare una determinata somma, oltre la quale non è possibile utilizzarla, forniva maggiore sicurezza ad ogni singolo risparmiatore.

Era, ad onor del vero, uno scenario totalmente differente rispetto a quello attuale, in cui il mondo dei pagamenti online era una sorta di “piccola giungla”, dove i rischi erano assai elevati e le probabilità di subire operazioni di phishing erano decisamente più elevate rispetto ad oggi. La carta prepagata, tuttavia, resta uno strumento particolarmente adatto allo shopping online, specie tra i più giovani e i soggetti che non ricorrono con una certa frequenza agli acquisti online.

Lo strumento di pagamento online più diffuso è, indubbiamente, la carta di credito. Rispetto ad un tempo, infatti, utilizzarla online è diventato estremamente più sicura ed è richiesta sempre più frequentemente dai risparmiatori. Oltre alla sicurezza, la carta di credito garantisce altri comfort, come la semplicità d’utilizzo e, soprattutto, l’immediatezza: a differenza della carta prepagata, per utilizzarla non è necessario provvedere ad alcuna operazione di ricarica.

L’unico limite presente nella carta di credito è, di fatto, il plafond mensile, oltre al quale non è possibile effettuare alcun tipo di operazione, che può essere aumentato, a discrezione dell’istituto di credito o società emittente, su richiesta del titolare della carta di credito. Grazie a specifiche coperture assicurative, di norma già inserite al momento della stipula del contratto, le tutele sono assai elevate e consentono di poter effettuare acquisti online in tutta tranquillità.

Cresce, significativamente, il ricorso alle criptovalute

Il mondo del web, però, è riuscito ad implementare i tradizionali metodi di pagamento offerti dagli istituti bancari, come le summenzionate carte, con altri decisamente più evoluti e reperibili, di fatto, solo tramite la rete telematica. Il caso più lampante, in tal senso, è offerto proprio dalle criptovalute, che, oltre ad essere un asset finanziario molto ricercato dai trader, stanno prendendo piede come strumento di pagamento in diversi ambiti.

Le cripto, infatti, vengono accettate da alcuni grandi player del mondo della tecnologia – come Microsoft o Dell –  per la vendita di alcuni prodotti presenti nei loro e-store, da un colosso del settore dei viaggi come Expedia e da diversi siti dedicati al mondo dei giochi, alcuni di essi reperibili tra quelli indicati nel sito casinosicurionline.net, portale che recensisce solo i portali legalmente autorizzati ad operare nel territorio italiano.

Tra i metodi più diffusi di pagamento, PayPal resta sempre uno dei preferiti da parte del popolo del web, molto ricercato in quanto concede la possibilità di poter effettuare acquisti online senza dover acquistare specifiche carte di pagamento: basta effettuare un bonifico dal proprio conto corrente, o ricevere denaro da una terza persona, e si dispone del credito necessario per effettuare transazioni online.