Dash sale, mentre tutti gli altri scendono

dashDate uno sguardo alle performance delle ultime 24 ore delle prime 15 criptovalute su Coinmarketcap.

Tutte scendono, o al massimo sono in pareggio, tranne Dash, che cresce dell’8%. Perchè?

Molto probabilmente lo si deve alla situazione venezuelana, in cui la valuta locale (il Bolivar) sta letteralmente implodendo. Infatti visto che la moneta locale non vale quasi più nulla, i venezuelani stanno cercando di utilizzare un’altra moneta. Tra quelle alternative che sembrano essere maggiormente in uso c’è proprio Dash, che oltre ad essere facile da usare grazie ad alcune App distribuite da un produttore sudamericano di smartphone, ha l’enorme vantaggio di consentire un elevato livello di privacy.

Infatti i venezuelani preferiscono, giustamente, che le loro transazioni non siano pubbliche, in modo da evitare controlli governativi, e Dash consente loro di fatto di poter operare in tranquillità, senza rischiare ritorsioni. Inoltre ricordiamo che la criptovaluta nazionale venezuelana, il Petro, di fatto non è in circolazione, quindi non è utilizzabile.

Non ci sono statistiche specifiche riguardo l’utilizzo di Dash in Venezuela, o riguardo i cambi di Bolivar in Dash, ma ci sono invece dati pubblici riguardo i cambi di Bolivar in Bitcoin: come è possibile vedere chiaramente nel grafico sono in grande aumento. I venezuelani di fatto stanno cercando di sbarazzarsi il più possibile dei Bolivar, che oramai sono solo più carta straccia, e lo fanno cambiandoli in altre monete che non si svalutano così pesantemente.

C’è chi li cambia in dollari americani (ma non è così facile), chi in Bitcoin… e chi in Dash. Il vantaggio però che offre Dash, oltre al fatto di essere facilmente reperibile online (a differenza dei dollari), è proprio quello di garantire transazioni realmente anonime e non tracciate (a differenza di Bitcoin). Seppur non sia probabilmente la criptovaluta che garantisca il massimo livello di privacy, è però già molto diffusa, e l’unione di queste due cose (privacy elevata e buona diffusione) ne sta decretando il successo in Venezuela.

Ricordatevi che il Bolivar non ha scampo: è destinato inevitabilmente a sparire, come è avvenuto ad esempio nel 2009 alla moneta dello Zimbabwe. Anche perchè il Petro, che avrebbe dovuto costituire la moneta nazionale alternativa stabile, è solo fuffa. Quindi i venezuelani dovranno giocoforza trovarsi altre monete: in questo momento, oltre al dollaro americano, Dash e Bitcoin sono probabilmente le principali candidate a sostituire il Bolivar in Venezuela, la prima come moneta transazionale (ovvero come mezzo di scambio per i pagamenti), e la seconda come riserva di valore.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Dash sale, mentre tutti gli altri scendono ultima modifica: 2018-09-08T10:18:06+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti