Criptovalute: proposta l’esenzione dalle tasse in Arizona

Durante la prima sessione di lavori del 2023 del Senato dello Stato dell’Arizona è stata proposta una modifica costituzionale per rendere esenti dalle tasse le criptovalute.

Nel testo del disegno di legge SCR 1007, proposto dai senatori repubblicani Wendy Rogers, Sonny Borrelli e Justine Wadsack e già sottoposto a due letture, si legge che viene proposto un emendamento all’articolo IX, sezione 2, paragrafo C, della Costituzione dell’Arizona.

Tale emendamento prevede esplicitamente di aggiungere tra i beni esenti da tasse le valute virtuali, ovvero le rappresentazioni digitali di valore che funzionano come mezzi di scambio, unità di valore e riserva di valore.

Tra i beni esenti da tasse già presenti nel paragrafo C della sezione 2 dell’articolo IX ci sono le proprietà federali, statali, provinciali e municipali, le obbligazioni sul debito pubblico, beni domestici che vengono utilizzati esclusivamente per scopi non commerciali, scorte di materie prime o semilavorati.

L’Arizona attualmente ha un governatore democratico, ma il Senato è a maggioranza repubblicana così come la Camera. Quindi non è affatto impossibile che il parlamentino statale possa approvare questo disegno di legge e rendere esentasse le criptovalute.

Trattandosi però di un emendamento alla Costituzione dello Stato per poter entrare in vigore avrebbe bisogno anche di una conferma referendaria. Se il Senato lo approvasse, a novembre 2024 gli elettori dell’Arizona potranno scegliere se approvarlo o bocciarlo.

Va però evidenziato come a novembre del 2022 le elezioni di mid-term in Arizona le abbiano vinte i democratici.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.