Criptovaluta di Stato cinese: prime conferme

cinaLa notizia dell’annuncio di una criptovaluta cinese da parte del governatore della Banca Centrale cinese (PBOC) sembra iniziare ad avere alcune conferme.

Infatti ci hanno segnalato questo articolo con la traduzione in italiano della trascrizione della conferenza stampa della fine della sessione annuale del parlamento, in cui Zhou Xiaochuan ha parlato delle valute digitali (il testo originale in cinese lo si trova su finance.ifeng.com/a/20180309/16019214_0.shtml, ovvero lo stesso sito che abbiamo utilizzato come fonte per la nostra prima notizia a riguardo). Per ora però non abbiamo ancora trovato il video (ammesso che sia stato pubblicato).

Durante la conferenza stampa Zhou ha risposto ad una serie di domande, alcune delle quali sulle criptovalute. In realtà si parla genericamente di “monete digitali”, ma è chiaro che si fa riferimento a monete esclusivamente digitali, e basate su Distributed Ledger Technology (DLT), quindi Blockchain o simili. Zhou ha innanzitutto specificato che il nome utilizzato dalle banche centrali per queste monete è “DC/EP“, dove DC sta per valuta digitale (Digital Currency), e EP per pagamento elettronico (Electronic Payment).

Poi ha detto:

Studiare la valuta digitale non significa che il denaro sia utilizzato per ottenere l’applicazione di una determinata soluzione tecnica, ma essenzialmente il perseguimento della convenienza, della rapidità e del basso costo di un sistema di pagamento al dettaglio. Bisogna anche considerare la sicurezza e proteggere la privacy. Questo può essere basato su blockchain o sulla tecnologia di contabilità distribuita DLT [distributed ledger tochnology] o tecnologie che si sono evolute dai pagamenti elettronici esistenti. […] Va detto che lo sviluppo della moneta digitale non è solo un’inevitabilità dello sviluppo tecnologico: in futuro potrebbe essere che le forme tradizionali della moneta cartacea e delle monete si ridurranno gradualmente, e potrebbero persino non esistere più un giorno.

Pertanto un primo punto chiave è che, secondo Zhou, le monete digitali sono destinate a sostituire quelle tradizionali, e questo detto dal governatore della Banca Centrale cinese suona come un impegno a sviluppare monete fiat digitali.

Infatti ha aggiunto:

Durante tutto il processo, dovremmo prestare attenzione alla stabilità finanziaria globale, la prevenzione dei rischi, mentre la moneta digitale come moneta è interessante, al fine di garantire che il meccanismo di trasmissione della politica monetaria delle politiche di stabilità finanziaria, e per proteggere i consumatori. Esistono alcune soluzioni tecniche che possono comportare rischi eccessivi e causare perdite per i consumatori in caso di problemi. In particolare, per le economie dei grandi paesi, dobbiamo evitare perdite così sostanziali e irreparabili, quindi dobbiamo stare attenti. In questo processo, dobbiamo passare attraverso test approfonditi e test locali. Dopo che sarà affidabile, lo promuoveremo. Nel 2017, la Banca Popolare ha organizzato un progetto di ricerca di denaro digitale e pagamenti elettronici, dopo l’approvazione formale da parte del Consiglio dello Stato, attualmente tutti i membri dell’organizzazione vanno avanti.

A questo punto se la Banca Centrale sta facendo dei test significa probabilmente che sta lavorando allo sviluppo di una propria moneta digitale (o “criptovaluta di Stato”), e se davvero promuoverà questa moneta in caso di test positivi, allora la notizia di una criptovaluta cinese inizia ad essere qualcosa di una semplice voce! Il fatto che il progetto sia iniziato già nel 2017, ed abbia l’approvazione del Consiglio d Stato, getta una nuova luce sul comportamento che la Cina ha mantenuto ultimamente nei confronti delle criptovalute…

Poi conclude dicendo:

Tutti possono anche vedere sul mercato che la valuta digitale ha causato molte discussioni in certi aspetti e che ci sono anche molti rischi: i prezzi hanno visto molte fluttuazioni. Il motivo principale è che ci sono alcune applicazioni tecniche che non si concentrano sull’applicazione della moneta digitale nel pagamento al dettaglio, ma sono passate a transazioni di beni virtuali. Crediamo che bisogna stare più attenti nella attività virtuale di negoziazione, di scambio di asset virtuale. Dal punto di vista della Cina questo non è in linea con i nostri prodotti finanziari e servizi finanziari al servizio della direzione dell’economia reale. Così, durante tutto il processo, non bisogna essere troppo ansiosi, ma lavorare con costante sviluppo, e ordinato svolgimento del test, cogliere la direzione, per sottolineare i servizi finanziari per l’economia reale, migliorare l’efficienza, ridurre i costi, evitare che un prodotto diventi un’eccessiva speculazione. Proprio ora abbiamo presentato a tutti l’attuale piano di ricerca e sviluppo, che entrerà nella fase dei test quando sarà sviluppato in una certa misura. Questo è quello che posso dire ora.

Tuttavia ha poi anche aggiunto:

Prima di investire nell’operazione reale, è necessario considerare il rapporto con il consumatore e il rapporto con l’investitore. Pertanto, se il test non è sufficiente o se i risultati del test non sono ampiamente riconosciuti, una rapida espansione potrebbe causare alcuni problemi. Pertanto, dal punto di vista della Banca Centrale, il primo è l’arresto involontario dei prodotti, e alcuni prodotti promettenti devono anche essere testati, certificati e, in effetti, più affidabili da promuovere in seguito. Pertanto, abbiamo notato che la prassi della nostra banca centrale era quella di fermare l’ICO alla fine di agosto dello scorso anno, quindi abbiamo seguito da vicino le transazioni dirette tra Bitcoin e Renmimbi.

In buona sostanza è possibile affermare in via ufficiale che la Cina sta testando una sua possibile criptovaluta di Stato, ma fino alla fine dei test non è possibile affermare con sicurezza che verrà effettivamente lanciata sul mercato.

Fonte: qubithacker.com/la-cina-sta-sviluppando-la-propria-valuta-digitale

Criptovaluta di Stato cinese: prime conferme ultima modifica: 2018-03-09T14:51:59+01:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti