Cosa cavolo è successo oggi sui mercati crypto?!

Oggi pomeriggio c’è stato un curioso saliscendi sui mercati crypto.

Inizialmente, con l’apertura delle borse USA alle 15:30, c’è stata una piccola discesa, dovuta a dati non buoni provenienti dagli USA riguardo la loro economia. In realtà ad esempio il Nasdaq aveva aperto in netta crescita, ma a partire dalle 16:10 ha iniziato a scendere.

Già i prezzi delle criptovalute probabilmente erano pronti a scendere un po’, a causa della risalita troppo rapida dei giorni scorsi, quindi sono bastate alcune notizie non buone per innescare questa discesa.

La discesa si è poi intensificata a partire dalle 16:30 a causa di altre due notizie negative.

La prima è l’annuncio del licenziamento dell’11% del personale da parte di Consensys, ovvero la società dietro al noto wallet crypto MetaMask. Questa notizia ha influito soprattutto su Ethereum, che infatti oggi sta perdendo più di Bitcoin.

Ma è la seconda notizia ad aver causato le perdite maggiori. Infatti il Dipartimento della Giustizia USA (DoJ) aveva annunciato una conferenza stampa in merito ad un suo intervento repressivo contro le criptovalute. Molti pensavano che si trattasse di un intervento contro l’intero mercato crypto, e per questo la pressione di vendita è aumentata parecchio.

E così il prezzo di Bitcoin è sceso prima da 21.500$ a 21.300$, poi è sceso anche sotto i 21.000$, ed infine è sceso ancora poco sopra i 20.300$.

Tuttavia durante famigerata conferenza stampa il DoJ ha solamente rivelato provvedimenti contro lo sconosciuto exchange Bitzlato ed il suo fondatore. A quel punto di colpo le paure generate dall’annuncio di questa conferenza stampa sono (giustamente) svanite, ed il prezzo di Bitcoin è tornato sui 21.000$.

Dato che l’annuncio in effetti sembrava proprio minaccioso, c’è addirittura chi ha accusato il DoJ di turbativa di mercato per diffusione di un falso allarme.

Comunque i prezzi non sono tornati ai livelli precedenti alle 15:30, perchè se l’ultima di queste tre notizie si è poi rivelata essere irrilevante, le altre due hanno continuato a pesare. Inoltre Ethereum in questo momento continua a perdere leggermente più di Bitcoin.

Quindi il possibile ritracciamento ipotizzato qualche giorno fa potrebbe essere ancora in atto, nonostante il rimbalzino delle 18:00, e non è detto che la volatilità si sia effettivamente esaurita.


Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Tutti gli articoli di questo blog sono leggibili gratuitamente. In cambio ti chiedo solo di iscriverti al mio canale Telegram, t.me/MarcoCavicchioliUfficiale: così riceverai le notifiche dei prossimi articoli. Grazie.