Come ottenere token “gratuiti” dai fork

forkAvete dei bitcoin in un cold wallet (o comunque in un portafogli di cui controllate le chiavi private) e non li avete mossi da prima dell’estate scorsa? Complimenti, ognuno di questi bitcoin potrebbe valere più di quel che sembra (circa 900 USD in più mentre scriviamo). Come e’ possibile? Si tratta dell’effetto secondario delle biforcazioni del bitcoin, meglio conosciute come bitcoin forks. Ma cosa sono esattamente i bitcoin forks, e come si fa ad ottenere soldi “gratis” dagli stessi? Ci aiuta a capirlo un sito (anche) in italiano cryptodom.org/it.

Come già ricordato in articoli precedenti, i forks sono biforcazioni della blockchain che, nel creare nuove monete, creano delle specie di “dividendi” per i possessori di monete della blockchain originale. Nella guida gratuita presente sul sito vengono spiegati vari metodi: alcuni semplici, tramite app come Coinomi e Bither, altri decisamente più complicati che richiedono di far girare degli script in python e di capire molto bene quel che si sta facendo, pena perdere le monete del fork. Vi consigliamo di dare un occhio alle spiegazioni, e se non ve la sentite, di scrivere ai ragazzi che gestiscono il sito, che vi possono aiutare ad ottenrle in cambio di una percentuale del 10%. Da notare che si premurano (giustamente) di ricordarvi di spostare sempre i vostri soldi su un altro indirizzo prima di intraprendere qualunque tentativo di ottenere le monete.

Essendo il fenomeno in continua evoluzione vi sono anche delle subireddit dedicate (www.reddit.com/r/bitcoinairdrops) dove gli utenti si scambiano informazioni su come ottenere le monete e dove scambiarle. Cryptodom sembra essere però l’unico sito dove le spiegazioni sono anche in italiano. E’ inoltre presente sul sito una funzione che vi permette di calcolare in sicurezza quante monete vi spettino (lo trovate sotto il tab “FINDER”). Quindi se avete dei BTC parcheggiati su un indirizzo di cui possedete le chiavi private… Provatelo!

Iscriviti al nostro canale Telegram

E se invece non ne avete, provate questo indirizzo: 1EBHA1ckUWzNKN7BMfDwGTx6GKEbADUozX – e’ legato ad una “very rich identity” sconosciuta che controlla non solo questo, ma altri 8 indirizzi con altrettanti bitcoins. C’è da chiedersi se la “rich identity” sa che potrebbe fare milioni di dollari con i forks…

Come ottenere token “gratuiti” dai fork ultima modifica: 2018-04-16T14:16:18+00:00 da Redazione

Condividi questo articolo:

Commenti