Boom per Ripple: raddoppiato di valore in un giorno!

rippleVero e proprio boom per Ripple: fino a ieri valeva circa 0,25$, oggi è schizzato a 0,5$, con un raddoppio del valore in 1 solo giorno!

Vi avevamo già parlato di Ripple, visto che la nostra fonte americana che non possiamo citare aveva suggerito di acquistarlo. Era il 6 novembre 2017 ed allora valeva 0,2$. Quindi chi lo ha comprato allora ad oggi ha guadagnato il 150% in poco più di un mese.

Ripple infatti è una moneta estremamente interessante, perchè è stata creata per uno specifico utilizzo: le transazioni interbancarie. Non è una criptovaluta come le altre (non è centralizzata, ma ha invece un preciso soggetto emittente, la società Ripple), ma questo paradossalmente è poco importante, perchè non è una moneta pensata per essere rilasciata pubblicamente ed usata da tutti. E’ comunque scambiabile su tutti i principali exchange, ma viene usata soprattutto da banche e istituti finanziari che si sono accordati con la società che l’ha creata, proprio per poterla utilizzare per regolare gli scambi di crediti/debiti tra di loro (poco tempo fa anche American Express ha iniziato ad usarla).

La cosa importante è che la tecnologia innovativa su cui è basata Ripple consente alle banche di regolare i “conti” tra di loro in maniera molto veloce, sicura, e soprattutto molto più economica rispetto ai sistemi tradizionali (come Swift). Quindi è plausibile che se manterrà le proprie promesse possa essere adottata da un gran numero di banche in tutto il mondo (ripple.com/use-cases/banks).

Pertanto è una valuta da seguire con interesse, anche perchè la nostra fonte americana afferma che questo raddoppio potrebbe essere solo il primo di una serie (non ha però mai detto quanto potrebbe andare avanti questa crescita, e quali vette potrebbe raggiungere). Ovviamente se avremo altre informazioni a riguardo le pubblicheremo.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Boom per Ripple: raddoppiato di valore in un giorno! ultima modifica: 2017-12-13T10:10:09+01:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti