Il Bolivar crolla? E allora i venezuelani si mettono a minare Bitcoin!

minare bitcoinQuello che sta accadendo in Venezuela è allo stesso tempo drammatico e interessante.

Per prima cosa descriviamo brevemente la situazione: il governo venezuelano sta continuando a stampare moneta generando addirittura un’inflazione del 24% al mese! Quindi il Bolivar vale ogni giorno quasi l’1% in meno…

Dato il vero e proprio crollo del valore (reale) del Bolivar i venezuelani stanno cercando di utilizzare altre monete che si svalutano di meno, ed hanno trovato una soluzione nel Bitcoin. Infatti visto che il Venezuela è ricco di petrolio, da loro l’elettricità costa pochissimo: 6 volte meno che negli Stati Uniti. Questo anche proprio grazie ad una misura presa dal precedente governo (quello di Chavez) che volle ridurre al massimo il prezzo dell’elettricità per i propri compatrioti, sfruttando l’abbondanza di petrolio del paese (è il paese al mondo con le massime riserve di greggio).

Il costo così basso dell’elettricità consente ai venezuelani di minare Bitcoin con maggior guadagno (o con minori investimenti), ed il Bitcoin a differenza del Bolivar è una moneta che non perde valore nel tempo. Pertanto molti venezuelani si sono messi a minare Bitcoin sfruttando il bassissimo costo dell’energia elettrica: in cambio ricevono Bitcoin, ovvero una valuta “pregiata”, rispetto al Bolivar, che dà loro modo di poter acquistare maggiori beni (cosa molto utile in un periodo di profonda crisi economica).

Inoltre il governo non ha modo di impedire che ciò avvenga, o di fermare il mining di Bitcoin, se non scoprendo dove si trovano fisicamente le mining farm e chiudendole. Resta però da capire se al governo venezuelano potrebbe convenire fermare l’estrazione di Bitcoin in Venezuela, o forse converrebbe lasciarli fare… 😉

Iscriviti al nostro canale Telegram

Fonte: www.cnbc.com/2017/08/24/bitcoin-mining-is-popular-in-venezuela-because-of-hyperinflation.html

Il Bolivar crolla? E allora i venezuelani si mettono a minare Bitcoin! ultima modifica: 2017-08-27T13:53:02+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti