Bitcoin: la bolla potrebbe non scoppiare mai

bollaIl 17 Dicembre 2017 sul Sole 24 Ore Carlo Piana scriveva: “Se [il Bitcoin] dovesse mai raggiungere la maturità e diventare currency, la bolla non scoppierebbe mai“.

In realtà questa affermazione sottintende un concetto più ampio: “Se il Bitcoin diventerà uno strumento finanziario ampiamente utilizzato, la bolla non scoppierà”.

Infatti esiste la possibilità che Bitcoin possa diventare uno strumento finanziario ampiamente utilizzato anche se non dovesse riuscire mai a diventare una moneta transazionale (ovvero, come dice Carlo Piana, una currency: una moneta per effettuare pagamenti quotidiani, come l’Euro). In particolare il Bitcoin è una riserva di valore migliore dell’Euro: se dovesse essere questo il suo ruolo all’interno della (nuova) finanza globale, l’affermazione precedente potrebbe essere vera, e la bolla potrebbe non scoppiare mai. Pertanto non c’è bisogno che diventi currency: l’importante è che assuma un ruolo specifico come strumento finanziario, a prescindere da quale sia questo ruolo (moneta transazionale o riserva di valore).

Ma perchè Bitcoin potrebbe essere una riserva di valore migliore dell’Euro? (Attualmente lo è, ma non sappiamo se lo sarà ancora in futuro).

L’Euro è una moneta inflattiva. Ovvero l’obiettivo della Banca Centrale Europea, che lo emette e lo gestisce, è quello di tenere l’inflazione attorno al 2%. In particolare l’Euro non deve essere deflattivo, perchè la deflazione incrementa il valore reale dei debiti (anche se il valore nominale rimane lo stesso), e visto l’immenso ammontare dei debiti in Euro qualora si verificasse deflazione in questa valuta un numero elevatissimo di debiti diverrebbero insostenibili (a partire da quelli pubblici). Quindi l’Euro non può, e non deve, diventare una moneta deflattiva.

Le monete inflattive hanno però un rovescio della medaglia: inevitabilmente perdono di valore nel tempo. Ovvero pur rimanendo immutato il loro valore nominale (50 euro sono sempre, e sempre saranno, 50 euro) diminuisce il loro potere di acquisto (a causa dell’aumento dei prezzi). Ricordiamo infatti che “inflazione” non significa altro che aumento dei prezzi, quindi l’obiettivo della BCE è mantenere un incremento di prezzi medio in Euro del 2% all’anno. Questo di fatto svaluta inevitabilmente l’Euro di circa il 2% all’anno. Pertanto tenere degli Euro fermi sul conto corrente bancario significa perdere circa il 2% all’anno. Per questo gli Euro non sono affatto una buona riserva di valore.

Bitcoin invece è stato creato per essere deflattivo. Ovvero è stato creato per avere un’emissione di nuova moneta controllata e addirittura limitata nel tempo. Ogni 4 anni l’emissione di moneta dimezza, e nel 2140 cesserà. Visto che l’inflazione si genera quando viene immessa troppa nuova moneta, il fatto che l’emissione di nuovi token BTC sia controllata e limitata nel tempo genera l’effetto contrario: la deflazione.

Pertanto da questo punto di vista Bitcoin è l’esatto opposto dell’Euro: non è adatto per il debito, ma lasciare i propri token “fermi sul conto” non solo non crea perdita di valore, ma addirittura lo accresce! In altre parole è (attualmente) una riserva di valore migliore dell’Euro.

Se le cose continueranno a stare così (ovvero se la natura deflattiva di Bitcoin si rivelerà essere solida e permanente) non converrà tenere Euro fermi sul conto tanto quanto invece converrà tenere token BTC. A quel punto il ruolo di Bitcoin sarà chiaro: diventerà una riserva di valore al posto dell’Euro (ovvero delle tradizionali monete legali, dette “fiat”). Se ciò dovesse accadere la bolla non scoppierà mai.

Un ringraziamento speciale allo sponsor di questo blog che rende possibile la sua esistenza: CryptoRefills.
Su cryptorefills.com trovi buoni regalo e ricariche del telefono acquistabili in Bitcoin ed altre criptovalute, da spendere in molti negozi e siti di e-commerce: clicca per sapere quali.


Iscriviti al mio canale Telegram per ricevere le notifiche dei futuri articoli di questo blog: t.me/marcocavicchioliufficiale.