Bitcoin in sofferenza fino al 15 aprile (secondo Tom Lee)

Tommy Lee FundstratVi abbiamo già parlato diverse volte di Tom Lee, co-fondatore di Fundstrat e rinomato analista di Wall Street.

In una nota pubblicata da Bloomberg Lee ha dichiarato che secondo lui gran parte delle massicce vendite recenti di criptovalute sul mercato siano causate da investitori che hanno bisogno di dollari per pagare le tasse. Infatti negli USA la scadenza per versare allo Stato le imposte sul reddito è il 15 aprile. Secondo Lee gli investitori in criptovaluta avrebbero attualmente circa 25 miliardi di dollari di plusvalenze su cui versare le tasse:

“Si sta verificando un massiccio deflusso dalle criptovalute ai dollari… Le stime storiche dicono che per ogni dollaro di deflusso [dal mercato delle criptovalute] la capitalizzazione di mercato delle criptovalute diminuisce di 20 o 25 dollari”.

Secondo Lee in seguito al Tax Day la pressione derivante da queste vendite dovrebbe attenuarsi e potrebbe tornare un trend rialzista. Nella sua nota inoltre aggiunge che crede che il mercato delle altcoin sia in gran parte superato, e non vede rialzi significativi per le valute minori fino a metà agosto (Bitcoin invece probabilmente seguirà un’altra strada).

Tuttavia Lee riconosce anche che in un mercato così tanto bearish come quello attuale dal 16 aprile la tendenza potrebbe non invertirsi completamente:

“Il rischio legato alle regolamentazioni è ancora sostanziale… E il sentiment rimane “terribile”, come misurato dal nostro Bitcoin Misery Index, che sta ancora vedendo miseria”.

Nonostante questo Lee non ha cambiato le sue previsioni su Bitcoin: 20mila dollari entro fine estate e 25mila entro la fine dell’anno.

Fonte: www.newsbtc.com/2018/04/05/tom-lee-bitcoin-selling-pressure-dry-tax-day

Bitcoin in sofferenza fino al 15 aprile (secondo Tom Lee) ultima modifica: 2018-04-06T11:45:43+02:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti