Bitcoin diventerà la valuta di riserva per le banche centrali di tutto il mondo? 6 scenari non così assurdi per il 2019

Sfera di cristallo

Riceviamo da Daria Generalova, cofondatrice e Managing Partner di ICO Box

Bitcoin diventerà la valuta di riserva per le banche centrali di tutto il mondo, Ethereum scenderà a 1 dollaro, Nasdaq prenderà il controllo di Binance: 6 pazzi scenari di sviluppo del mercato crypto nel 2019.

Dopo il folle rally delle criptovalute del 2017, e il loro spettacolare crash nel 2018, quest’anno, secondo quelli che sanno, potrebbe essere un anno di relativa calma, che potrebbe sembrare stagnazione. Ciò consentirà al mercato di riprendere fiato, purgare se stesso, capire l’ambiente normativo e determinare la direzione del suo continuo sviluppo.

Noi di ICOBox siamo abbastanza certi che questo è esattamente ciò che accadrà, ma a prescindere abbiamo messo insieme un elenco di sei previsioni improbabili, scioccanti e persino fantastiche per il mercato crypto del 2019, ognuna delle quali può fungere da catalizzatore per il prossimo crash o il prossimo boom. Per favore non fare affidamento sulle nostre idee nel decidere di supportare un particolare progetto crypto e non prendere le nostre previsioni come qualcosa che avverrà in parte o in toto.

1. Il Nasdaq divorerà Binance per 1 miliardo di dollari

All’inizio di dicembre è emerso che il Nasdaq, una delle più grandi borse del mondo che scambia stock di alta tecnologia, ha ufficialmente confermato che lancerà la sua piattaforma crypto nella prima parte del 2019. La nuova piattaforma arriverà non appena la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti concederà allo scambio l’approvazione necessaria. Non è implausibile che, una volta che questo accadrà, Nasdaq proverà ad acquisire Binance, la più grande piattaforma di trading di criptovalute. L’accordo può essere estremamente vantaggioso per entrambe le parti. A causa della crisi in atto sul mercato crypto, il numero di transazioni attive su Binance è diminuito del 90% rispetto a gennaio 2018. E anche se in una delle sue ultime interviste il CEO di Binance, Changpeng Zhao, ha affermato che la sua azienda non è preoccupata del calo del volume degli scambi, probabilmente non è perfettamente sincero. Il Nasdaq a sua volta non ha mai negato il proprio interesse per il mercato crypto e, una volta ottenuta l’approvazione della CFTC, avrà tutti gli assi per procedere con il piano. Quanto in alto andrà a finire Binance? Bitstamp, che è all’undicesimo posto in termini di fatturato sulle 24 ore, è stata venduta l’anno scorso a 400 milioni di dollari. Quindi non è irragionevole aspettarsi che Binance possa valere un miliardo di dollari.

2. Dieci paesi lanceranno le loro criptovalute

L’era della crescita economica degli Stati Uniti sta volgendo al termine e gli investitori stanno vedendo i primi segnali della recessione imminente: il differenziale di rendimento tra titoli di Stato statunitensi a breve e lungo termine è recentemente caduto in picchiata, atterrando in territorio negativo. L’ultima volta accadde nel 2007, poco prima che il famigerato Lehman Brothers crollasse. Ciò indica una probabilità di una incombente crisi economica globale nel 2019, che provocherà un altro crollo valutario nei paesi in via di sviluppo. Per evitare questo, i piccoli paesi possono provare a “digitalizzare” i loro soldi, seguendo l’esempio di diversi paesi che sono sotto sanzioni economiche. Creando nuovi mezzi di pagamento virtuali si potrebbe evitare una massiccia emissione di moneta legale e la conseguente inflazione.

Dopo il Venezuela e l’Iran, l’Ucraina sta testando valute digitali alternative. La loro Banca Centrale ha lanciato un progetto di ricerca per implementare la Hryvnia elettronica , che sarà scambiata a 1:1 con la loro valuta fiat. L’exchange ucraino Kuna è impegnata a sviluppare uno stablecoin nazionale (“criptohryvnia”) dal 2017.

È improbabile che queste criptovalute possano essere di grande utilità in caso di un massiccio crollo delle valute nazionali o di un’accelerazione delle sanzioni. In effetti, è molto più probabile che se ad esempio il dollaro venisse rifiutato come strumento di regolamento principale sarebbe sostituito dall’euro. Ma l’uso delle criptovalute nazionali può essere abbastanza efficace per prevenire il panico sui mercati locali e tra i cittadini. Non possiamo escludere che ben 10 nuovi paesi lanceranno le loro criptovalute in caso di crisi globale.

3. Ethereum crollerà a 1 dollaro

Come la maggior parte delle criptovalute più importanti, Ethereum è esplosa tra dicembre 2017 e febbraio 2018, prendendo una piega al ribasso ed allontanandosi sempre più da Bitcoin. Allo stesso tempo anche il numero di ICO avviate e completate con successo è diminuito rapidamente, e queste tendenze erano decisamente correlate. La blockchain di Ethereum consente di creare e rilasciare facilmente nuovi token, una funzionalità molto apprezzata dalle nuove startup, in quanto la maggior parte dei progetti ICO sono basati su Ethereum.

“L’inverno nucleare” del cryptomarket , che è stato accompagnato dal calo del 70% della capitalizzazione di mercato, dal crollo di tutte le principali criptovalute e dal massiccio allontanamento dagli ICO, potrebbe causare a Ethereum la perdita della maggior parte del suo valore. E anche lo scenario da 1 dollaro non sembra impossibile a questo punto.

4. Bitcoin sarà l’unica valuta top 50 a continuare a essere minata

Il crollo globale delle principali criptovalute ha causato un collasso nel settore del mining. Le cose sono andate così male che i minatori cinesi hanno iniziato a vendere i loro impianti di mining come rottami, piuttosto che come equipaggiamento di valore. Nvidia, uno dei maggiori produttori al mondo di schede grafiche utilizzate per il mining, ha annunciato che si allontanerà dall’industria crypto dopo che le vendite in questo mercato sono diminuite di 5,5 volte.

Mentre la situazione nell’industria del mining è critica, ma non ancora disperata, la redditività del mining di criptovalute per singoli minatori a tempo ridotto è quasi pari a zero. Ciò rende del tutto possibile che nel 2019 il bitcoin rimarrà la valuta redditizia da estrarre tra le prime 50 su CoinMarketCap. Considerando che la quota di mercato di bitcoin rimane superiore al 50% e che è improbabile che questa situazione cambi presto, non è possibile escludere questo scenario.

5. Le STO raggiungeranno una quota del 10% del mercato dei titoli

La stagnazione in corso nell’industria crypto, il numero decrescente di ICO, la mancanza di una regolamentazione legale concisa e definitiva, il crollo di tutte le principali criptovalute e la loro selvaggia volatilità stanno facendo sì che il mercato cerchi nuove rotte di sviluppo. I piccoli investitori che spesso non guardavano oltre la raccolta iniziale di denaro verranno sostituiti da importanti investitori, compresi gli investitori istituzionali. Stanno cercando un ambiente diverso e regole chiare e trasparenti del gioco. Ecco perché stiamo assistendo alla nascita di un segmento di mercato completamente nuovo ma estremamente promettente: quello dei security token, che soddisfano i requisiti normativi e l’accesso al capitale tradizionale per le startup. Questo è uno strumento ben noto e familiare per i player professionisti , e tutti i segnali indicano che il 2019 diventerà un anno di STO (Security Token Offering), che sostituirà le ICO ormai obsolete. E considerando il crescente interesse delle grandi multinazionali nei security token (e il nostro stesso interesse per scenari straordinari e improbabili!), c’è la possibilità che le STO possano conquistare il 10% del mercato dei titoli.

6. Le banche centrali convertiranno il 20% delle loro riserve in Bitcoin

Di recente l’ Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari svizzera (FINMA) ha determinato l’ammontare massimo della quota di beni criptati nel capitale totale delle banche del paese. Il limite è impostato al 4%. Tenendo conto del fatto che la Svizzera è desiderosa di diventare uno dei leader mondiali nella cripto-spazio e che molti governi del mondo guardano al paese come guida nella gestione delle banche, questa decisione ha tutte le possibilità di diventare il principio cardine per altri importanti istituzioni.

Tuttavia, quando è stato annunciato per la prima volta il numero del 4% il regolatore svizzero probabilmente stava considerando l’attuale potenziale di mercato piuttosto che la probabile situazione di crisi finanziaria globale di cui abbiamo parlato prima. La nuova crisi potrebbe far crollare il prezzo dell’oro. Questo è quello che è successo nel 2008, quando il mondo ha attraversato le più devastanti paralisi economiche dalla Grande Depressione. Nel 2008-2009 il prezzo dell’oro è sceso da oltre 1.000 dollari a 700 $ l’oncia. Un nuovo crollo del prezzo del metallo più prezioso del pianeta costringerà le banche a trovare rapidamente alternative sicure per le loro riserve in rapida fuga, ed il 20% di esse potrebbe essere convertito in bitcoin. Il che potrebbe far aumentare i prezzi del bitcoin fino a 200.000 dollari.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Bitcoin diventerà la valuta di riserva per le banche centrali di tutto il mondo? 6 scenari non così assurdi per il 2019 ultima modifica: 2019-01-02T13:54:42+01:00 da Redazione

Condividi questo articolo:

Commenti