Il Bitcoin diventa ufficialmente legale in India

Zebpay, il principale cambio di Bitcoin ha rivelato che il comitato governativo indiano ha deciso di favorire la regolazione di Bitcoin.

Il 14 aprile, il Cointelegraph eveva riferito che stava attivamente approfondendo lo status giuridico dei Bitcoin e considerando la possibilità di regolare il mercato.

Negli ultimi tre anni, i tre grandi cambi indiani di Bitcoin tra cui Zebpay, Coinsecure e Unocoin hanno operato con piattaforme di trading autoregolamentate con rigorosi “know your customer” (KYC) e sistemi anti-riciclaggio di denaro, nonostante la mancanza di regolamentazioni nell’industria e nel mercato monetario digitale.

Gli sforzi dei cambi di Bitcoin in India per autoregolamentare il mercato hanno permesso al governo indiano di riconsiderare ufficialmente il settore Bitcoin e quello di valuta digitale, indipendentemente dalle critiche di alcuni politici che non detengono una significativa conoscenza della criptovaluta.

Il 24 marzo, Cointelegraph ha riferito che Kirit Somaiya, membro del parlamento della BJP in India, è stato duramente criticato per il paragone tra i Bitcoin e lo schema Ponzi.

In una lettera al Ministero delle Finanze e alla Reserve Bank of India, Somaiya ha spiegato che Bitcoin è uno schema piramidale tipo Ponzi. Tuttavia, Somaiya è stato criticato per la sua incapacità di comprendere la differenza strutturale e fondamentale tra uno schema Ponzi e il Bitcoin.

Nonostante l’atteggiamento negativo di alcuni politici, il governo indiano ha deciso di regolare il mercato e di offrire un equo spazio per gli scambi di Bitcoin che hanno allocato una quantità significativa di risorse per standardizzare il mercato e l’industria.

Nel mese di aprile Mohit Kalra, CEO di Coinsecure, uno dei maggiori cambi Bitcoin in India, ha dichiarato a Cointelegraph in un’intervista che il governo indiano ha iniziato a prendere i Bitcoin sul serio e sta valutando la possibilità di regolare il mercato.

Kalra ha detto:

“Finalmente qualcosa di positivo per l’industria. Le autorità stanno prendendo seriamente questa tecnologia. Abbiamo cercato di ottenere la loro attenzione da anni. Sono contento che tutto sta accadendo al momento giusto. A Coinsecure, vediamo un enorme aumento del numero di utenti e volumi. Siamo positivi per ciò che accadrà nei prossimi tre mesi “.

Il 20 giugno CNBC India ha annunciato che la commissione governativa indiana ha deciso di promuovere la regolamentazione dei Bitcoin e attualmente sta istituendo una task force per creare diversi quadri normativi allo scopo di legalizzare pienamente i Bitcoin nel breve periodo.

Prima dell’annuncio del governo indiano Chris Burniske, il leader cripto di ARK Invest, ha fatto notare che i volumi di negoziazione in India sono in aumento. Burniske precedentemente ha rivelato che il mercato del cambio dei Bitcoin indiani è responsabile della trasformazione dell’11% circa del commerci di bitcoin a USD.

Ciao # India?? ti aspettiamo! Molto curioso di vedere dove arriveremo con i #bitcoin. H / t @BKBrianKelly pic.twitter.com/9uacy5GZH9

– Chris Burniske (@ARKblockchain) 15 giugno 2017

La legalizzazione dei Bitcoin in India prevede di aumentare ulteriormente i volumi di negoziazione e le attività dei Bitcoin in India con margini significativi.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Il Bitcoin diventa ufficialmente legale in India ultima modifica: 2017-06-22T08:16:44+00:00 da Barbara Chionna

Condividi questo articolo:

Commenti