Bitcoin Cash dopo il fork vale meno della metà

metàFino al 13 novembre 2018, ovvero due giorni prima del fork, il valore di BCH si aggirava attorno ai 500 dollari, o poco più.

A partire dal 14 di novembre, a ridosso del fork, il valore ha iniziato a vacillare, scendendo a 400. Ma nei giorni successivi al fork è letteralmente crollato.

Ad oggi ci sono due criptovalute “eredi” di Bitcoin Cash: Bitcoin ABC (BAB), che molti chiamano semplicemente Bitcoin Cash (BCH), e Bitcoin SV (BSV). BCH vale poco più di 200 dollari, mentre BSV è crollato a 40.

In altre parole prese insieme le due nuove rivalutate ad oggi valgono meno della metà di BCH! Ed i guai non sono finiti…

Infatti entrambi i progetti stanno avendo dei seri problemi tecnici, dovuti proprio alle modifiche sul protocollo. Ricordiamo infatti che, invece, il protocollo di Bitcoin (BTC) ad esempio oramai è da più di un anno che non viene modificato, ed è molto difficile immaginare che potrà essere modificato in futuro. Le continue modifiche al protocollo non sono affatto un buon segnale di decentralizzazione, perchè se questi protocolli ambiscono a raggiungere una diffusione di massa devono essere solidi ed indiscutibili.

In altre parole le sofferenze di BCH non sono solo dovute alla speculazione o ad aspetti tecnologici, ma sono dovute anche ai dubbi che sempre di più si stanno diffondendo sulla sua evoluzione futura, che sembra sempre meno decentralizzata. E’ utile a tal punto ricordare che di valute non decentralizzate che funzionano meglio di BCH ce ne sono già in circolazione, ed una di queste (XRP) è attualmente la seconda criptovaluta al mondo per capitalizzazione di mercato, dietro al solo Bitcoin. Il futuro di Bitcoin Cash pertanto appare sempre più fosco.

Iscriviti al nostro canale Telegram
Bitcoin Cash dopo il fork vale meno della metà ultima modifica: 2018-11-23T10:35:09+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti