Altra previsione di Novogratz: 40.000 dollari entro dicembre 2018

Mike NovogratzL’ultima previsione Mike Novogratz l’aveva azzeccata: a metà ottobre aveva pronosticato che entro 10 mesi il valore del Bitcoin sarebbe cresciuto fino a 10.000 dollari. Questa previsione si è avverata (molto prima del previsto) e così Novogratz rilancia con una nuova previsione: 40mila dollari entro dicembre 2018.

Ricordiamo che già a fine ottobre abbiamo pubblicato un’altra previsione autorevole secondo la quale il Bitcoin avrebbe potuto raggiungere la quota di 25mila dollari entro 3 anni. Visto che tuttavia i tempi con cui si avverano queste previsioni sembrano essere molto più brevi del previsto, quota 25mila potrebbe essere raggiunta ben prima dei 3 anni previsti, e forse già attorno a metà 2018, mentre a fine 2018 stando alle previsioni di Novogratz si potrebbe raggiungere addirittura la cifra di 40mila.

Secondo Novogratz infatti un gran numero di investitori istituzionali, con grandi somme di capitale, si stanno attrezzando per entrare nel mercato Bitcoin. Ha detto:

“Bitcoin potrebbe facilmente arrivare a 40.000 $ alla fine del 2018. Ed Ethereum, che credo abbia appena raggiunto quota 500 $, potrebbe tripilcare”.

Con un tetto massimo di 21 milioni di token BTC il mercato non può essere invaso da nuova moneta, pertanto i prezzi aumentano.

“Cosa c’è di diverso in queste monete rispetto alle altre materie prime? Non c’è alcuna reazione dei produttori. Questo è un sogno per gli speculatori: quando aumentano gli acquisti non c’è nuova produzione che alimenti l’offerta. Così ogni variazione di prezzo viene esagerata.”

Il miliardario ex gestore di hedge fund non è l’unico analista ad ammettere che le correzioni dei prezzi siano state una parte inevitabile del futuro di Bitcoin.

Fonte: cointelegraph.com/news/novogratz-rubbishes-bitcoin-bubble-40000-in-december-2018

Iscriviti al nostro canale Telegram
Altra previsione di Novogratz: 40.000 dollari entro dicembre 2018 ultima modifica: 2017-11-29T15:42:49+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti