Altra partnership per Ripple: UAE Exchange di Abu Dhabi

rippleUAE Exchange è una società degli Emirati Arabi (con base ad Abu Dhabi) che si occupa di pagamenti, trasferimenti internazionali di denaro, ed altri servizi finanziari. Da qualche giorno UAE Exchange ha firmato un accordo Ripple per farsi aiutare a gestire gli scambi transfrontalieri (come del resto ha già fatto MoneyGram). Con questo accordo si ampia ulteriormente la “RippleNet” (la rete di Ripple che utilizza la tecnologia blockchain dell’azienda per gestire i pagamenti internazionali).

Il CEO Promoth Manghat elogiando la tecnologia di Ripple come “game-changer” ha detto:

“L’integrazione della tecnologia blockchain di Ripple nei nostri sistemi di pagamento porterà ai clienti un’esperienza di pagamento nuova e migliorata. L’adozione anticipata di questa tecnologia rivoluzionaria ci consente di offrire un servizio competitivo, poiché avrà un impatto sulla velocità e sul costo delle transazioni transfrontaliere”.

Attualmente UAE Exchange controlla il 6,75% del settore delle rimesse (575 miliardi di dollari a livello globale), e spera di arrivare al 10% entro il 2020. Attualmente conta ben 800 filiali in 30 paesi.

Non è però ancora chiaro se l’accordo prevede l’utilizzo della criptovaluta XRP, o semplicemente se verrà utilizzata solo la blockchain sottostante come modo per smistare in modo rapido e sicuro i trasferimenti internazionali di denaro. Né Ripple né UAE Exchange hanno commentato le specifiche dell’accordo.

Dilip Rao di Ripple ha fornito una breve dichiarazione sui vantaggi di questo accordo:

“L’aggiunta di un leader di mercato come UAE Exchange a RippleNet porterà pagamenti immediati, certi e a basso costo ai milioni di clienti al dettaglio negli Emirati Arabi Uniti che inviano denaro all’estero”.

Fonte: www.digitaltrends.com/cool-tech/ripple-partners-uae-exchange

Iscriviti al nostro canale Telegram: Iscriviti al nostro canale Telegram
loading...
Altra partnership per Ripple: UAE Exchange di Abu Dhabi ultima modifica: 2018-02-13T09:11:29+00:00 da Marco Cavicchioli

Commenti