-6% per il Bitcoin nell’ultima settimana

crolloQualche giorno fa abbiamo pubblicato un articolo in cui riportavamo una previsione fatta da un analista di Goldman Sachs secondo cui il bitcoin avrebbe potuto scendere dagli attuali 2.500 dollari fino a 1.800 (per poi risalire, lentamente, verso quota 4.000).

Ebbene a guardare il grafico di oggi la discesa verso quota 1.800 potrebbe essere iniziata (ma il condizionale è d’obbligo). Infatti oggi sta facendo registrare un calo del 6% circa. Nei giorni precedenti invece era rimasto praticamente costante, quindi il calo del 6% di oggi di fatto fa sì che anche rispetto a sette giorni fa il calo sia sempre del 6%.

Rispetto ad un mese fa invece è sotto del 16%, ma questo in parte è dovuto alle quotazioni forse un po’ troppo elevate raggiunte a giugno.

Quando si tenta di far previsioni sull’andamento del valore del bitcoin spesso non ci si azzecca, ma il calo sotto la soglia dei 2.500 dollari era “nell’aria”. C’è infatti il forte sospetto che le quotazioni molto elevate raggiunte a giugno (dopo due mesi, aprile e maggio, di continua crescita) fossero in effetti frutto più di una bolla speculativa che di un vero e proprio apprezzamento della valuta rispetto al dollaro (o all’euro).

Iscriviti al nostro canale Telegram

La situazione tuttavia (come sempre quando si parla della quotazione del bitcoin) è in continuo divenire, quindi il calo del 6% di oggi in teoria potrebbe anche non significare nulla, e “rimbalzare” già da domani. Tuttavia per ora la previsione di Goldman Sachs che sostiene che scenderà fino a quota 1.800 dollari prima di risalire è l’unica attualmente in circolazione proposta da una fonte molto autorevole in campo finanziario globale.

Crypto Green Mining
-6% per il Bitcoin nell’ultima settimana ultima modifica: 2017-07-10T17:28:47+00:00 da Marco Cavicchioli

Condividi questo articolo:

Commenti